Beppe benvenuto tra noi!…l’opinione di Rita Faletti

Tempo di lettura: 2 minuti

Il dolore chiede compostezza, lo sdegno controllo, il linguaggio misura. Nella sgangherata arringa a difesa del figlio indagato per stupro di gruppo, Grillo non ha tradito Grillo. In una manciata di minuti, l’ex comico che ha mandato a quel paese quasi tutti e a quasi tutti  aveva promesso un bel soggiorno dietro le sbarre tra gli osanna del popolaccio, è riuscito in un capolavoro che neanche il suo peggior nemico. Rovesciando un carico di rabbia su chi “ha aspettato due anni per arrestare dei violentatori”, trasformando la gravità di uno stupro in una specie di festa tra giovani un po’ bevuti che girano in mutande con gli attributi al vento, ignorando la vittima, offrendo l’immagine di padre trascurato e pessimo educatore, è stato regista e attore di una scena ripugnante. “ Si può capire il dolore di un padre” il commento a caldo di alcuni grillini solidali e non solo. Grillo è il capo di un movimento che ha la maggioranza in Parlamento, è un uomo famoso e potente, bisogna andarci piano con i giudizi. Si può persino fingere che non sia successo niente, rimane comunque più che la percezione che il giustizialismo sia stato spazzato via, sostituito dal garantismo. Bravo Grillo, benvenuto tra noi! Quello che conta è rinsavire. Che sia per rispetto delle garanzie proprie o altrui, alla fine vale il risultato.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

21 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI