Sulle macerie della guerra civile l’Angola punta sugli eucalipti

Tempo di lettura: 2 minuti

di Giannino Ruzza

La quasi totalità degli edifici scolastici di Kuito , Benguela, Lobito, Huamba, sono stati  distrutti durante la lunga sanguinosa guerra civile che ha devastato il paese dal 1991 al 2000. L’anno successivo con l’intervento peacekeepers delle Nazioni Unite, le intolleranti  turbolenze sovversive sono state placate e la guerriglia messa a tacere. Conseguenza che ha consentito timidamente all’economia di ripartire. La nazione è nota per  l’innumerevole quantità di eucalipti del suo territorio che un tempo servivano ad alimentare le locomotive dei treni sulla storica rotta fino a Benguela che attraversa l’Angola da ovest ad est.  Ora però le cose sono cambiate e il loro utilizzo è completamente diverso, grazie alla società di lavorazione del legno di eucalipto che operano specie nella città di Hambo. Una delle più attive è l’Habitec. E’ qui che viene lavorato la maggior parte dell’eucalipto della nazione. “In questo lungo corridoio che porta  per 600 chilometri fino a Benguela, alle estremità dei binari, ci sono enormi quantità di alberi di eucalipto. Abbiamo provato a ipotizzarne l’utilizzo. La soluzione è stata produrre mobili per le scuole, in legno di eucalipto ” ha detto Felisberto Caraba  amministratore delegato Habitec. Sebbene l’attenzione sia concentrata sull’attrezzatura scolastica, questa azienda fornisce anche altri settori, come l’edilizia sociale. “Supportiamo il settore delle costruzioni,  locali e quelle che in Angola operano a livello nazionale, tra le quali il settore della ristorazione, poiché realizziamo tavoli, porte e finestre e altro mobilio per il settore alberghiero” ha detto Grasiano Paiva direttore delle operazioni. L’azienda attribuisce grande importanza alla gestione ecologica della foresta. Infatti, quando i mobili vengono venduti, vengono piantumati nuovi alberi di eucalipto che hanno la peculiarità di crescere molto velocemente. “La compensazione delle nostre attività è il rimboschimento. Ciò significa che non abbiamo bisogno di abbattere le foreste autoctone preesistenti, perché l’eucalipto offre questa soluzione. Sarà utilizzabile in tre, quattro o sei anni ” ha aggiunto Felisberto Caraba. L’azienda ha aumentato la produzione interna durante la pandemia, contribuendo a ridurre la dipendenza dalle importazioni e allo stesso tempo creando nuovi posti di lavoro. Supportare queste attività è uno degli obiettivi della politica del governo angolano. Negli ultimi anni il paese ha cercato di diversificare la sua economia e i lavoratori appaiono orgogliosi del loro lavoro. “Per me è molto importante, perché le conseguenze del coranavirus ha costretto alla chiusura molte aziende. Noi siamo una delle poche realtà che ha proseguito l’ attività” sottolinea il tecnico dell’azienda Eurisco Mangonga. Una scuola di Zhanggu, nella provincia di Luanda, è dotata di mobili Habitec: “La scuola utilizza questi prodotti perché, oltre ad essere angolani, sono resistenti all’usura” spiega Aidino Gonzalves, preside della scuola pubblica Vida Pacifica. Gli studenti sono contenti delle sedie e dei banchi: “Stanno bene. Sono comodi, facili da trasportare e hanno spazio sufficiente per appoggiare libri e zaini” sottolinea Vandira Engola, una studentessa della scuola. Si tratta di una scuola che riconosce il valore della sostenibilità e della responsabilità sociale. E’ evidente che l’Angola vuole concentrarsi su un’economia di questo tipo in futuro. “Affinché lo sviluppo sostenibile abbia luogo, è importante per la società e per i nostri stessi imprenditori, che il partenariato pubblico-privato diventi realtà. Se avremo successo, aiuteremo queste piccole imprese e imprenditori a distinguersi, per aiutare lo sviluppo delle comunità, dei quartieri e del paese in generale “, ha concluso il preside della scuola.

 

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI