Modica, Ignazio Abbate è deputato regionale

Tempo di lettura: 2 minuti

Modica si è svegliata trovando la notizia dell’elezione a parlamentare regionale del suo ex sindaco, Ignazio Abbate. Prima di lui solo il compianto Peppe Drago aveva avuto un plebiscito quasi identico. Ancora una volta Abbate ha dimostrato come la sua città si fidi di lui, trascinandolo all’Ars. Lo stesso plebiscito delle ultime elezioni amministrative, quando al primo turno passò alla riconferma in danno di Salvatore Poidomani, e senza un partito alle spalle. Stavolta il partito lo aveva, la Democrazia Cristiana, ma crediamo che Cuffaro & C. debbano in qualche modo essergli riconoscenti per la mole di voti che l’interessato ha ottenuto. E’ vero che solo quando sono arrivati i risultati delle ultime sette sezioni di Modica la festa è potuta cominciare dopo un testa a testa con l’ispicese Paolo Monaca, trainato dal voto di protesta assegnato alla mina vagante della politica siciliana, Cateno De Luca. Se Pozzallo era il pericolo principale in questo duello per Abbate, per via della vicenda dell’impianto di biogas, la “botta” è stata contenuta. Poi sono arrivate le sette sezioni mancanti di Modica e non c’è stata più storia.

“Avrei potuto scegliere la via più breve, forse la più comoda, per arrivare a Palermo. Ma questo non è mai stato nelle mie corde – dice il neo parlamentare -. Ho preferito scegliere un progetto nuovo che partisse dal basso per diventare un punto di riferimento della politica regionale. Mi hanno preso per pazzo, per irresponsabile…hanno provato a distruggermi psicologicamente e politicamente….ma non ho mai pensato di non farcela perchè sapevo che avrei avuto accanto la gente, i cittadini che non hanno mai mancato di farmi sentire la loro vicinanza ed il loro appoggio…. Oggi questa vittoria la dedico a loro, a tutta la mia squadra e alla mia famiglia….a mia moglie, a mio figlio, a mia mamma. E naturalmente al mio papà che mi guarda da lassù e che sarebbe stato il primo ad abbracciarmi questa sera”.
Il successo definitivo è  arrivato all’una della notte circa, ufficializzato per prima da Radiortm.it che ha ininterrottamente,, dalle 14,  seguito la kermesse con una diretta sul proprio profilo Facebook, condotta sapientemente dal nostro Direttore, Giorgio Caruso, da Roma, e dai colleghi Peppe Ragona e Maria Carmela Torchi, da studio, insieme a tutta la redazione che ha curato gli aggiornamenti sul sito.

La corsa di Ignazio Abbate all’Ars si è conclusa con un record di preferenze non indifferente (oltre 12 mila voti) nonché forza trainante di tutta la Democrazia Cristiana in Sicilia, facendo così raggiungere al partito caponeggiato da Totò Cuffaro lo sbarramento.

I numeri:

Sono stati 4 i candidati eletti all’Ars, votati su 310 sezioni in provincia di Ragusa.
– Abbate: 12493 (il più votato in provincia)
– Di Pasquale: 7139
– Assenza: 6266
– Campo: 3723

Resta fuori l’uscente Orazio Ragusa, con il partito Prima l’Italia, che ha totalizzato 3381 preferenze.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

25 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI