Passo indietro. La Dormiente direttrice del Museo per un anno

Tempo di lettura: 2 minuti

Grazia Dormiente sarà direttrice del Museo Ibleo delle Arti e Tradizioni Popolari “Serafino Amabile Guastella” per un anno a partire da oggi. Prima della scadenza del suo mandato, sarà compito del Comune di Modica individuare all’interno del proprio organico un nuovo direttore. E’ questo in sintesi l’accordo siglato oggi tra l’Ente di Palazzo S.Domenico e l’Associazione Serafino Amabile Guastella all’atto della donazione effettuata da quest’ultima al Comune di Modica alla presenza del Sovrintendente ai Beni Culturali, Antonio De Marco. E’ stata precisa volontà della Dormiente racchiudere il proprio mandato nell’arco temporale di 12 mesi. “L’incarico  – commenta il Sindaco – non è solo il seguito dell’indicazione espressa dall’Associazione del bene museale al momento del suo scioglimento, ma è il riconoscimento che tale incarico onorario può contribuire alla migliore gestione culturale di tale bene prezioso per la Città di Modica, vista la comprovata competenza in materia della stessa. Voglio ricordare che proprio la Professoressa  ha curato, in collaborazione con l’Architetto Alessandro Ferrara (già Sovrintendente di Ragusa), il riallestimento del Museo, rispettando nei minimi particolari l’originaria conformazione delle sale. Ringrazio la Professoressa Dormiente che ha accettato questo incarico a titolo puramente onorario e che quindi non comporterà nessuna spesa per le casse dell’Ente”. Sabato alle 11 è prevista l’inaugurazione del Museo.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI