Pozzallo, in arrivo migranti. Sono oltre un centinaio

Tempo di lettura: 2 minuti

In arrivo al porto di Pozzallo oltre 100 persone a bordo di motovedette della Guardia Costiera e della Guardia di Finanza. Fra gli immigrati dei giorni scorsi, otto e non due quelli risultati positivi al Coronavirus, come confermato dalle autorità sanitarie.
Di tutto e di più si può dire del governo politicamente anomalo presieduto da Giuseppe Conte, tranne che non sia ossessivamente coerente con gli impegni assunti con i suoi sponsor: Europa, gruppo Bilderberg, Vaticano e Presidenza della Repubblica. Per non dire … del sensazionale endorsement del presidente americano Trump (caro Giuseppi).
Basta e avanza per giustificare, fra tante scelte politicamente discutibili, anche la decisione scellerata di fare sbarcare in Italia migliaia e migliaia di stranieri irregolari. Profughi? No. Persone che scappano dalle loro terre per mille motivi altri. Vedi le migliaia di tunisini che arrivano giornalmente sulle nostre coste. Uomini e donne che non fuggono da un Paese in guerra.
Nei giorni scorsi la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese è stata ricevuta dal presidente della Tunisia Said e dal ministro dell’Interno Mechichi. Nel corso del cortese colloquio il presidente, dopo avere in qualche modo assunto l’impegno di intensificare i controlli, ha comunque precisato che il suo Paese sta attraversando gravi difficoltà di carattere economico e sociale. Come dire:”Facciamo il possibile, ma non possiamo promettere nulla di più”.
Questa la situazione. Che l’Europa conosce benissimo. Ma di cui non vuole assolutamente farsi carico. A questo punto non ci vuole di certo una grande fantasia per immaginare che dietro il fenomeno degli sbarchi senza fine in Italia ci sia un preciso accordo. Non si spiega diversamente che un Paese libero e democratico come il nostro, fra i fondatori dell’Europa dei popoli, azzeri di fatto il decreto sulla chiusura dei porti emanato a seguito della pandemia del Coronavirus per consentire a tutte le persone in fuga dalle loro terre di approdare senza alcun problema nell’unico Paese al mondo che tiene il semaforo verde perennemente acceso. C’entrano qualcosa i miliardi promessi con il Recovery bund?
Ad ogni modo il Conte bis è coerente con gli impegni assunti! Di questo gli va dato atto. Non a caso Camera e Senato hanno detto si alla proroga dello stato di emergenza sanitaria per tre mesi ancora. Come dargli torto se in questi tre mesi, queste le previsioni, sbarcheranno a Lampedusa altre diecimila persone in fuga dai Paesi dell’Africa e del Medio oriente.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI