Fuga dall’Hotspot di Pozzallo…di Michele Giardina

Tempo di lettura: 4 minuti

Trenta tunisini ospiti del Centro Hotspot di Pozzallo, approfittando del traghettamento nella città marinara di altri 108 “migranti”, sono fuggiti facendo perdere immediatamente le loro tracce. I nuovi arrivati, sottoposti a tampone sulla banchina del porto, saranno posti in quarantena, tranne quelli che dovessero risultare positivi al Coronavirus. Esaltare il concetto di accoglienza, quando la realtà ci travolge con episodi e fatti che stracciano l’idea di uno Stato di diritto organizzato secondo le regole della democrazia, è da irresponsabili.

In base a quale edificante e superiore progetto politico, a quali misteriosi accordi europei e trattati internazionali è stato deciso di bypassare il decreto vigente sulla chiusura dei porti emanato dal governo in carica, dando via libera all’arrivo sulle coste italiane (siciliane) di migliaia e migliaia di fuggitivi che non hanno alcun titolo per essere accolti nel nostro Paese?

Questa la domanda di milioni di cittadini trattati da sudditi. Qualcuno spieghi “la bontà e la sacralità” di un progetto che sfugge alla logica dei comuni mortali. Lo spieghi con chiarezza in modo che tutti possano finalmente comprendere perché mai l’unico Paese sicuro al mondo, ove fare sbarcare tutti i fuggitivi del mondo, sia solo ed esclusivamente il Bel Paese.

Siamo i più bravi, i più buoni, i più fedeli alla chiesa Cattolica e a Papa Francesco? Gli unici pronti a tutto pur di salvare l’umanità in fuga, mentre gli altri, insensibili e cattivi, i governanti di Francia, Germania e Olanda in primis (giusto per citare quelli che “l’Europa siamo noi”) sono da stramaledire e mandare all’inferno?

Siamo seri. Parlare di sicurezza sanitaria quando nell’hotspot di Lampedusa sono ammassati oltre 1000 “migranti”, quando la fuga degli ospiti stranieri dai centri di prima e seconda accoglienza è all’ordine del giorno, è un eufemismo. Ci affidiamo al caso? Alla fortuna?  Per favore. Questo modo superficiale e irresponsabile di pensare da parte di chi a tutti i livelli ha il dovere preciso di tutelare e garantire la salute pubblica, è da respingere.  Mistificare la realtà di una invasione galoppante di persone in fuga dalle loro terre  programmata sui tavoli della criminalità internazionale e scelleratamente assecondata da una politica che agisce e non spiega, che ci raccomanda di essere prudenti, che pensa di prolungare a settembre – ottobre il periodo di emergenza sanitaria e che, tuttavia, continua imperterrita a fare sbarcare in Sicilia miglia e migliaia di persone con il rischio di favorire il cosiddetto virus da importazione, è inconcepibile

 

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI