Conte: un uomo, nessun uomo….l’opinione di Rita Faletti

..Bonaccini premier?
Tempo di lettura: 2 minuti

Il Mes  rivitalizza l’attrito tra Pd e 5s, non più che un’alleanza parlamentare nata per mettere in sicurezza il paese contro i “pieni poteri” di Salvini.  Un movimento in cui ognuno va per conto proprio senza un’idea di dove andare ma con l’unico scopo di non scomparire- ne andrebbe  dello stipendio che nemmeno  i suoi elettori sarebbero disposti a corrispondere dovessero  farlo di tasca loro –e un partito, il Pd, al 22 e rotti per cento che di fronte all’ipotesi delle urne impallidisce. Ma che nell’esecutivo è l’unico, con Italia viva,  in grado di mettere in atto un piano per la ricostruzione del paese con i soldi che l’Europa solidale ha erogato perché vengano usati bene. E vorrei vedere che fosse il contrario: chi si limiterebbe a mettere a disposizione tanto denaro senza il vincolo di condizioni, anche stringenti? Chi, senza la definizione di  obiettivi  chiari e finalizzati all’attuazione di un disegno per il futuro del paese?  Certo non per garantire a una classe dirigente ritorni elettorali in cambio  di favori  a cortigiani ingordi e regalucci a cittadini pelandroni  e profittatori. La Commissione von der Leyen  sta cercando, con qualche risultato, di convincere i paesi frugali ad esserlo di meno. Ma c’è un punto sul quale  gli stessi  non sentiranno  ragioni: il monitoraggio costante di come i soldi verranno impiegati. Non solo legittimo, ma sacrosanto. E sul Mes, il presidente del Consiglio temporeggia, con la scusa banale che il nostro paese non deve essere il primo a chiederlo. Ma che significa? Perché non dice invece  che di quei soldi c’è bisogno? Perché non spiega che attingendo al fondo, 36 miliardi pari al 2 per cento del pil, pagheremmo interessi  irrisori (600 milioni in dieci anni) al posto dei  6 miliardi che ci costerebbe lo stesso prestito sul mercato? E che in Europa  l’Italia è tra i paesi a pagare  gli interessi più alti? Persino un grillino che fatica a distinguere  tra sovvenzioni e prestiti lo capirebbe. Il fatto è che da politico e primo ministro per caso, anche  lui pensa al proprio futuro e forse a come far digerire al reggente Vito Crimi e ai grillini renitenti  una misura pensata appositamente per  la sanità in tempi di Coronavirus.  A soffiare sul fuoco del rifiuto, sono anche Salvini e Meloni,  i quali, da antieuropeisti  per convenienza di coerenza,  speculano  su  un tema  dall’effetto  ulteriormente divaricante tra il Partito di Zingaretti e quello di Grillo, sperando di  spaccare il governo. Così, a forza di pregiudizi, ideologismi  e interessi di bottega,  si continua a fare muro contro le ragioni che spingerebbero ad accogliere questa opportunità unica.  Una somma, mai vista prima, di denaro subito disponibile da utilizzare nella sanità per spese  dirette, come dispositivi sanitari per i lavoratori, assunzioni di nuovi medici e infermieri,  ampliamento e rafforzamento dell’assistenza  di base su tutto il territorio nazionale,  e indirette, come distanziamento nei luoghi di lavoro, trasporto pubblico locale con più mezzi a disposizione e più viaggi, adeguamento dei mezzi agli standard di sicurezza. Oltretutto,  i 3,5 miliardi destinati dal governo alla sanità potrebbero essere deviati verso altre iniziative e progetti, come il piano Industria  4.0 del governo Renzi  proposto da Calenda,  o l’aumento del taglio del cuneo fiscale a favore di lavoratori e imprese. Bonaccini, governatore dell’Emilia-Romagna e presidente della Conferenza delle regioni, nonché  espressione del  riformismo progressista del Partito democratico, ha detto, senza mezzi termini, che la sua regione saprebbe bene come spendere i soldi del Mes. Su quelle parole Zingaretti dovrebbe riflettere e cogliere l’avvertimento dietro  il significato letterale. Se nel braccio di ferro con i grillini perdesse, non sarebbero in molti a stracciarsi le vesti.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

9 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI