Archivio Tag: chirurgia

CELEBRATA QUESTA MATTINA LA MESSA IN CHIRURGIA AL “CIVILE”. IL PRIMARIO: “UN CONFORTO PER AMMALATI EOPERATORI”. L’INIZIATIVA AVVIATA DALLA PASTORALE DELLA SALUTE DI RAGUSA

Don Occhipinti, il primario Blandino, i medici, il personale sanitario e i volontari Avo“Un segnale importante. Che dona conforto spirituale e un supporto psicologico non da poco. E’ fondamentale la presenza del cappellano in ospedale perché aiuta i pazienti, ma anche gli operatori sanitari in genera, a reagire e a sopportare meglio la malattia”. Lo ha detto Rosario Blandino, primario di Chirurgia generale all’ospedale Civile di Ragusa, durante la messa in corsia tenutasi questa mattina e animata dai volontari dell’Avo.

VITTORIA, MAURIZIO CARNAZZA ELETTO NEL DIRETTIVO REGIONALE DELLA SOCIETA’ SICILIANA DI CHIRURGIA

carnazza maurizioPrestigioso riconoscimento professionale e personale per il direttore dell’unità operativa di chirurgia generale dell’ospedale Guzzardi di Vittoria, Maurizio Carnazza, eletto nel direttivo regionale della società siciliana di chirurgia. L’elezione del chirurgo ibleo è avvenuta nel corso del congresso regionale svoltosi al Policlinico di Catania e testimonia gli alti livelli qualitativi raggiunti dall’Unità Operativa di chirurgia generale di Vittoria mentre gratifica il lavoro costante e continuo di tutta l’equipe chirurgica, dal personale sanitario a quello infermieristico, nel trattamento delle principali patologie chirurgiche con utilizzo delle più moderne tecnologie (quali la chirurgia laparoscopica).

Modica, stop ai ricoveri “plus” in Geriatria e Chiururgia

Stop ai ricoveri “plus” nelle Unità Operative di Chirurgia e Geriatria all’Ospedale Maggiore. Il direttore sanitario del nosocomio, Piero Bonomo, ha trasmesso una direttiva a tutti i dirigenti di reparto disponendo il provvedimento restrittivo che certamente va letto come una forma di tutela per i degenti. In buona sostanza non sarà più possibile avere accessi oltre il numero consentito nei due reparti, che è di dodici posti letto ciascuno, ma si dovranno cercare dei posti negli ospedali più vicini e indirizzare in quei luoghi i soggetti che hanno chiesto l’accesso.

Ospedale Maggiore Modica. In Chirurgia infermieri stressati. Solo in cinque a sostenere i turni diurni e notturni

Degenti dell’Ospedale Maggiore sconfortati, parenti arrabbiati. Si lamenta la scarsa assistenza da parte degli operatori sanitari e tutto dipende dalla mancanza di personale, mentre quello in servizio è costretto agli straordinari. “Non possiamo prendercela con gli infermieri – dice il figlio di un ricoverato nella Divisione di Chirurgia – perchè vediamo come sono costretti a lavorare. Il problema è che sono pochi e i turni stressanti. Per questo non riescono a essere sempre presenti. E’ capitato, infatti, che mio padre non è stato lavato perchè gli operatori in servizio non sono riusciti a farlo perchè fisicamente limitati. Mercoledì scorso erano in servizio un solo infermiere

On. Ammatuna: Revocato dal Direttore Generale dell’Asp il provvedimento di accorpamento dei servizi di chirurgia e medicina del Busacca.

“L’onorevole Roberto Ammatuna prende atto con soddisfazione che il Direttore Generale dell’Asp ha revocato il provvedimento, emanato dal coordinatore sanitario ospedaliero 2, che stabiliva con decorso dal 10 e per tutto il mese di agosto l’accorpamento dei reparti di medicina e chirurgia del Busacca. Rilevo con piacere che ha accolto il mio invito a ristabilire l’ordine fra i suoi collaboratori e a revocare il provvedimento, lasciando invariata la situazione attuale.

Modica. L’Associazione “Noinsieme” denuncia mancanza di organizzazione in Chirurgia all’Ospedale Maggiore

Dura denuncia dell’Associazione “Noisiamo”, l’organizzazione di volontariato modicana che tutela i diritti dei disabili gravi. Una denuncia scaturita dalle rimostranze di un’iscritta che per giorni ha vissuto nel nosocomio per avere assistito nella Divisione di Chirurgia dell’Ospedale Maggiore la figlia, diversamente abile. “La mancanza di organizzazione nel reparto – denuncia “Noisiamo “ – lascia veramente stupiti. I medici sono un’isola a se stante. Se chiedi, ad esempio, informazioni sulle modalità delle terapie da intraprendere, si trincerano dietro le disposizioni del responsabile del servizio. Il personale infermieristico non ha le informazioni adeguate per la gestione dei problemi dei pazienti e bisogna chiedere le prestazioni”.

In primo piano