Cerca
Close this search box.

Ispica, presentata la XXVI edizione del Presepe Vivente

Tempo di lettura: 2 minuti

Domenica 17 dicembre a Ispica aprirà i battenti la XXVI esima
edizione del Presepe Vivente, uno dei momenti centrali del Natale
siciliano.
L’evento è organizzato dalla PromoEventi Ispica, con il patrocinio di
Regione Siciliana – Assessorato regionale Turismo e Spettacolo, Libero
Consorzio di Ragusa, Comune di Ispica, Parco Archeologico Kamarina Cava
Ispica e col supporto logistico della ProLoco Spaccaforno, sponsor
ufficiale Coop Gruppo Radenza.
L’iniziativa è stata presentata in conferenza stampa alla Società
Operaia di Mutuo Soccorso di Ispica alla presenza di Angelo Di Rosa,
Angelo Di Martino e Tonino Spataro della Promoeventi, organizzatrice del
Presepe, dell’on. Ignazio Abbate, presidente della I Commissione Affari
Istituzionali all’Assemblea Regionale Siciliana, del sindaco di Ispica
Innocenzo Leontini, di Natale Corallo, presidente della Società Operaia,
del direttore artistico Giuseppe Galfo, del presidente della Proloco
Spaccaforno Giorgio Caccamo.
Sei le date il programma: 17, 25, 26 dicembre 2023 e 1, 6 e 7 gennaio
2024, dalle 16 alle 20 (info tel. +39 349 655 2107)
– www.presepeviventeispica.com
L’edizione 2023-2024 sarà certamente ricordata come una delle più
imponenti degli ultimi anni, per una serie di importanti novità.
Innanzitutto sarà dedicata alla figura di Francesco, fondatore
dell’omonimo Ordine Francescano ma anche “inventore” del Presepe
vivente, allestito per la prima volta appunto 800 anni addietro a
Greccio, proprio su iniziativa del santo di Assisi.

Il percorso rupestre, storicamente ospitato all’interno delle grotte
dell’antico abitato di Spaccaforno, agevolmente raggiungibile a piedi
dal centro storico barocco di Ispica, questa volta raddoppia, e si
svilupperà, in questa speciale edizione, grazie alla disponibilità
dell’Ente Parco Archeologico Kamarina e Cava Ispica, sino all’interno
del Parco archeologico Forza, recentemente restituito alla collettività
dopo importanti lavori di recupero.
Ai 40 antichi mestieri siciliani, vivide e fedeli rievocazioni della
Sicilia di una volta, si alterneranno scene e recitazioni ispirate alla
Sicilia contadina affidate come sempre alla direzione artistica
dell’ispicese Giuseppe Galfo, che ha coinvolto nel progetto culturale
alcuni dei più significativi artisti popolari della Sicilia orientale.
Il percorso narrativo ideato da Galfo sarà sottolineato da ampie cornici
parlanti, veri e propri quadri viventi, ad ospitare personaggi e figure
che attraverso la parola ci introdurranno, progressivamente, nella
magica atmosfera del Natale, lungo il doppio binario della povertà
contadina e quella francescana. Il filo conduttore sarà affidato ad
alcuni attori che impersoneranno i frati francescani, cui sarà demandato
il compito di svelarci, passo passo, il mistero della nascita di Gesù,
preparandoci ad un doppio spettacolo, quello dell’anfiteatro del Parco
Forza, splendido balcone sulla vallata della cava, e il secondo,
storico, anfiteatro della Natività, dove Francesco, affiancato dalle
voci angeliche di due cantanti, terrà un monologo sul Santo Bambino.
Lungo il percorso, personaggi della Sicilia arcaica, nella scenografica
coreografia delle grotte rupestri della vecchia Spaccaforno, ci
narreranno di esistenze fatte di lavoro, sacrificio, fede, famiglia, da
sempre valori cardine della società siciliana, cui il Presepe vivente di
Ispica è radicalmente ispirato.
Insomma, un viaggio imperdibile e come sempre emozionante, pronto a
proiettarci, anche questa edizione, nella magica atmosfera del Natale in
chiave siciliana.

524670
© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top