Cerca
Close this search box.

Ust Cisl iblea. “Serve tavolo per delineare le strategie future”

Tempo di lettura: 2 minuti

“Aspettiamo segnali. Ma, soprattutto, occorrono risposte. Se l’iniziativa di coinvolgere le parti datoriali e sindacali attorno a un tavolo per tenere gli Stati generali dell’economia ragusana è stata salutata con grande interesse dalla Cisl, ora, a distanza di poco più di un mese, è opportuno che a quella iniziativa analitica possa essere dato un seguito, con la creazione di un tavolo capace di indicare quali i grandi temi che interessano da vicino questo territorio e, soprattutto, in che modo è necessario approcciarli”. Lo dice la segretaria generale dell’Ust Cisl Ragusa Siracusa, Vera Carasi, facendo riferimento a una serie di iniziative che hanno meritato di essere poste sotto attenzione e rispetto a cui, adesso, è necessario, per forza di cose, cercare di dare un seguito. “Perché non si corra il rischio – continua Carasi – che il tempo utilizzato sia stato solo sprecato. Siccome so per certo che l’intenzione non era questa ma, anzi, si vogliono costruire solide fondamenta su cui basare i ragionamenti futuri, dobbiamo preoccuparci di comprendere in che modo costruire le strade migliori per favorire lo sviluppo economico, e quindi accrescere l’occupazione e il benessere, sul territorio della provincia di Ragusa. Che dovrebbe poi essere l’interesse primario di tutti gli attori primari della società civile, quello, cioè, di creare le migliori condizioni affinché ciò avvenga. Nutriamo molta fiducia sulle potenzialità dell’area iblea. Ma è necessario metterle in rete. D’altronde, oggi stiamo scendendo in piazza, a livello nazionale, a Roma, proprio per questo. Proprio per ribadire alcuni concetti fondamentali per il futuro. Per dire no alla stretta sulla previdenza e sulle pensioni: quota 103 diventa ancora più penalizzante per le persone che vi ricorrono. E’, poi, assolutamente sbagliata la misura che modifica aliquote e rendimenti per i futuri trattamenti pensionistici di medici, infermieri, personale degli enti locali, maestre d’asilo, ufficiali giudiziari. Si restringe ancora ulteriormente l’intervento su ape sociale e opzione donna e vengono alzati i coefficienti economici del trattamento pensionistico minimo per i lavoratori che intendono accedere all’anticipo pensionistico. Ecco questo ci sembra un intervento assolutamente errato rispetto a cui ci attendiamo modifiche sostanziali. E stiamo facendo sentire anche la nostra voce”.

522998
© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top