Cerca
Close this search box.

H&M in Sicilia, Filcams Fisascat e Uiltucs incontrano l’azienda

Fuoriuscite incentivate e ricollocazioni per garantire tutti i posti di lavoro
Tempo di lettura: 2 minuti

“Garantire l’occupazione di tutti e 19 i dipendenti di H&M di Palermo e Modica per evitare l’ennesima perdita di posti di lavoro in un territorio martoriato dalla crisi”. Lo dichiarano i sindacati siciliani Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil che ieri nella sede di Confcommercio hanno incontrato l’azienda apprendendo formalmente della decisione di chiudere due punti vendita in Sicilia, e nello specifico a Palermo presso il centro commerciale La Torre e a Modica, interessando in tutto 19 lavoratori, 11 a Palermo e 8 nel Ragusano.
I sindacati, per voce di Giovanni Dalò, Giusi Sferruzza e Ida Saja, hanno chiesto maggiori dettagli ribadendo con forza la necessità di mantenere intatti tutti i livelli occupazionali all’interno del territorio di appartenenza, alle medesime condizioni contrattuali ed economiche. Al momento, l’azienda ha risposto di essere disponibile a ricollocare per il punto vendita di Palermo solo 5 dipendenti su 11 totali, mentre per quanto riguarda il punto vendita di Modica 3 dipendenti su 8. Inoltre, ha manifestato l’intenzione di proporre un esodo incentivato per i dipendenti con importo compreso tra le 12 e le 18 mensilità.
Filcams, Fisascat e Uiltucs hanno ritenuto “assolutamente insoddisfacente, inaccettabile e irricevibile tale proposta” esprimendo, dunque, la propria totale contrarietà rispetto alla mancata ricollocazione dell’intero personale oggi a rischio. Per Dalò, Sferruzza e Saja, rispettivamente alla guida di Filcams, Fisascat e Uiltucs, “è assolutamente inconcepibile che l’obiettivo principale della società sia quello di una pronta monetizzazione atta a disfarsi delle 18 unità lavorative e non il ricollocamento delle lavoratrici e dei lavoratori stessi, che in questi anni hanno contribuito alla crescita del marchio H&M. Pertanto – proseguono i sindacalisti – ribadiamo che riteniamo non soddisfacente la proposta economica avanzata da parte di H&M Srl. Abbiamo proposto di allargare a tutto il personale, anche degli altri punti vendita, la possibilità di accedere, in termini esclusivamente volontari, all’esodo incentivato, per avere maggiore possibilità di riposizionamento degli esuberi”. Inoltre l’azienda ha prospettato un’apertura a valutare il possibile passaggio dei lavoratori presso gli altri negozi a Palermo. Il tavolo si è aggiornato nei prossimi giorni dopo aver realizzato assemblee sui luoghi di lavoro.
I sindacati, inoltre, in previsione di un nuovo confronto con l’azienda, al fine di avere maggiore chiarezza sulla vertenza, hanno chiesto di ricevere dati specifici rispetto al complessivo andamento aziendale in Sicilia, con particolare riferimento ai punti vendita del Forum e di via Ruggero Settimo, e hanno richiesto altresì di conoscere le posizioni che risultano essere aperte in H&M e di di ricevere una proposta di esodo incentivante che sia superiore alle 18 mensilità, ritenute non soddisfacenti se poste in relazione alla perdita di un posto di lavoro nell’ambito del territorio siciliano.

519197
© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top