Cerca
Close this search box.

La Pasqua in Terra Barocca con il primo “Social Trip”

Arrivano tour operator e tre travel blogger olandesi per vivere luoghi e tradizioni della destinazione unica Enjoy Barocco
Tempo di lettura: 2 minuti

La Settimana Santa, la più suggestiva e misteriosa, tra riti e celebrazioni, fede e folclore, è iniziata, e la Terra Barocca offre la sua appassionata tradizione, mostrando le sue origini, i suoi colori, i suoi luoghi carichi di significato, per vivere, da autoctoni o da turisti, una Pasqua dai mille volti. Tra processioni e tradizioni culinarie, un bagno di folla acclama la gioia della Pasqua e guarda al mistero della rinascita con gli occhi carichi di emozioni. 

La destinazione turistica unica “Enjoy Barocco” (www.enjoybarocco.com) invita ad un viaggio nella tradizione, tra fede e cultura, luoghi e cibo, per scoprire la Settimana Santa nella Terra Barocca che racchiude i Comuni di Ragusa, Modica, Scicli, Ispica e Santa Croce Camerina, tra monumenti patrimonio Unesco, tra paesaggi da mozzare il fiato, tra il calore dell’accoglienza iblea. E lancia in contemporanea anche il primo “Social Trip” con l’arrivo di tre travel blogger olandesi e la rappresentante di un tour operator internazionale. Durante queste intense giornate, dove vengono esaltate le feste religiose, come la Madonna Vasa Vasa di Modica, il Gioia di Scicli o i vari riti che si svolgono negli altri Comuni, questi ospiti speciali potranno vivere appieno il territorio, scoprendo anche i loro sapori. 

Si fa così seguito al primo step quando, il mese scorso, l’Olanda ha accolto la Dmo Enjoy Barocco e quando la bellezza, l’arte e la cultura iblea hanno riscaldato un’innevata Amsterdam. Francesco Lucifora, critico d’arte e docente dell’Accademia di Belle Arti a Catania e Siracusa, componente del gruppo di progettazione del masterplan turistico del GAL Terra Barocca, lo scorso 10 marzo ha fatto vivere un’esperienza a cinque sensi, incontrando numerosi operatori turistici olandesi e promuovendo “Enjoy Barocco” secondo un percorso accattivante che ha ha dato un “assaggio” dei sapori, delle emozioni e sensazioni di cui è ricca la nostra terra. Grazie alla disponibilità dei partner della Dmo, che con i loro prodotti hanno conquistato i partecipanti, all’interno della “Bottega by Chiara’s Food” è iniziato un viaggio che ora riporta a casa, tra i colori, i profumi e i sapori iblei. Da oggi 7 aprile e fino al 12, con il supporto dei partner, la destinazione turistica Enjoy Barocco verrà vissuta da tre travel blogger olandesi che potranno vivere in maniera immersiva i territori dei cinque Comuni, in un bagno di calorosa vivacità e colorata accoglienza iblea, lasciandosi travolgere dalle giornate piene e intense che caratterizzano questo periodo di Pasqua. Diventeranno i testimonial, attraverso i loro canali social e con le loro travel news, delle esperienze di cui godranno. La Terra Barocca rimbalzerà tra tag e share, sfumando i confini e arrivando in quel meraviglioso mondo che è la socialità del world wide web.

Ai travel blogger, così come ai fedeli e ai curiosi, la Settimana Santa nella provincia di Ragusa regalerà sensazioni uniche, ogni Comune affascinerà, trasportando tra antichi siti e immemori riti. 

Ad Ispica la Settimana Santa è la più importante tra le feste religiose della città. Molto sentita, le celebrazioni coinvolgono la Basilica di Santa Maria Maggiore e la Basilica della Santissima Annunziata e le rispettive Confraternite. L’incontro tra Maria ed il figlio Gesù è il cuore della festa di Pasqua a Modica. La “Madonna Vasa Vasa” commuove nei suoi tre baci replicati anche la sera. Scicli esulta per la resurrezione dell’uomo vivo, “U Gioia”, una delle feste più belle della Sicilia con la statua del Cristo Risorto portata in processione in un ritmo frenetico, tra continue e suggestive giravolte. Gli altri riti di Pasqua, come accade anche a Ragusa e Santa Croce Camerina, ai momenti religiosi affiancano le tradizioni gastronomiche. E la festa profuma di buono, con la preparazione dei piatti tipici come le “impanate” di agnello ragusane (anche di tacchino o pollo) ed ancora i “turciniuna”, succulenti involtini di interiora di agnello e cipolla. O i “pastizzi” di carne modicani e le teste di turco di Scicli. Ed ancora le cassatelle di ricotta, con la variante al cioccolato o con l’aggiunta di cannella, immancabili sulle tavole della Terra Barocca proprio in questo straordinario periodo dell’anno. 

505924
© Riproduzione riservata

1 commento su “La Pasqua in Terra Barocca con il primo “Social Trip””

  1. Ai non addetti ai lavori come me, appare un accostamento azzardato : turismo e religione. Nello specifico le sacre rappresentazioni pasquali , in tal modo, sembrano trasformarsi da occasioni di fede e momenti rievocativi di partecipazione, riflessione e di vita spirituale , in occasioni di svago , relax e divertimento, passando dalla dimensione spirituale a quella materiale, consumista e edonista , fatta di colori, suoni e sapori. Se i dati in mio possesso sono esatti , solo il 27 % degli olandesi sono cattolici , gli altri avranno un occasione di studio etnologico culturale. Il nuovo vescovo dovrebbe vigilare a che le feste religiose non si trasformino in momenti di svago e divertimento, senza dimenticare la tentazione paganeggiante e archetipica , presente nelle viscere dell ‘inconscio collettivo , da molto prima del vitello d’oro israelitico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top