Cerca
Close this search box.

Più fondi per Ibla e per tutti i Comuni Patrimonio dell’Umanità

Tempo di lettura: 2 minuti

Più fondi per i centri storici di Ibla, Ortigia ed Agrigento e la creazione di uno stanziamento dedicato esclusivamente ai Comuni riconosciuti dall’UNESCO come patrimonio dell’umanità. E’ in estrema sintesi il contenuto dei due emendamenti presentati dai deputati regionali della DC, Ignazio Abbate e Carmelo Pace, uno dei quali già passato in I Commissione Affari Istituzionali mentre l’altro in discussione domani in II Commissione Bilancio. Per quanto riguarda le leggi speciali per Ibla, Ortigia e Agrigento che il Governo Regionale, sollecitato fortemente dall’ANCI, aveva deciso di non finanziare con i fondi di spesa corrente dei comuni siciliani nessuna riserva, compresa quella delle leggi speciali perché ciò avrebbe diminuito ulteriormente le risorse a disposizione dei comuni siciliani. L’emendamento prevede un aumento da 1,5 milioni a 2 milioni di euro da ricavare non più dal fondo di trasferimento di parti corrente ma dal Fondo di Sviluppo e Coesione. Automaticamente, usufruendo di questo contributo ad hoc, i tre centri non comparirebbero nella lista dei finanziamenti destinati ai Comuni UNESCO. Quest’ultimo emendamento è già passato in I Commissione Affari Istituzionali e prevede la creazione di un capitolo di spesa da 20 milioni di euro dal medesimo fondo europeo di Sviluppo e Coesione da dividere tra tutti Comuni inseriti nella World Heritage List ad eccezione, appunto, dei beneficiari della legge speciale in caso di approvazione. “Comprendo le ragioni del Governo Regionale su sollecitazione dell’ANCI di voler distribuire più trasferimenti a tutti i Comuni a costo di cancellare i benefici delle leggi speciali – commenta l’Onorevole Abbate – nell’ottica di una più capillare distribuzione delle risorse. Però insieme al collega Pace ci siamo mossi affinchè questa scelta rappresenti un’ulteriore possibilità di crescita sia per i tre centri in questione che per tutti i Comuni che rappresentano la Sicilia nella prestigiosa lista stilata dall’UNESCO. Una volta approvati i due emendamenti in questione ci saranno benefici maggiori sia per le tre meravigliose perle di Ibla, Ortigia ed Agrigento sia per tutti quei comuni che possiedono bellezze inestimabili riconosciute dall’UNESCO che ad oggi, da quando hanno ricevuto il riconoscimento, non hanno mai visto un euro per riqualificare i propri centri storici. Le leggi speciali hanno dato in tutti questi anni i loro frutti. E’ necessario che questi provvedimenti debbano essere allargati ad altri centri storici importanti per rendere la nostra Regione sempre più bella per chi vi abita e chi la sceglie come turista”.

500392
© Riproduzione riservata

7 commenti su “Più fondi per Ibla e per tutti i Comuni Patrimonio dell’Umanità”

  1. Secondo alcuni, su Report di ieri sera è stata mostrato un elenco di loggia massonica, in cui risulta elencato Abbate.

  2. Secondo altri, l’elenco riguarda il trapanese, zona di pertinenza di Cuffaro ( nuova DC ).
    E il nome Abbate riportato e di un ononimo.
    Bah !

  3. D’Ali, ex presidente provincia di Trapani, per 24 anni senatore è stato condannato per mafia.
    Così come Cuffaro!
    Beh, a pensar male spesso ci c’azzecca.
    Anche perché la nomina a direttore del Museo Civico in Modica, è stata affidata ad un massone.
    La nomina l’ha fatto Abbate, di cosa stiamo parlando?

  4. Peppino Pinello

    Da un lato c’è una pentola con un coperchio, dall’altro persone che sollevano il coperchio e dicono cosa c’è dentro. E poi molta gente distratta e indifferente,m….

  5. Pensa pi Muorica picchi’ stamu affunnannu e se affunnamu niautri affunni macari tu! A buon intenditor poche parole@

  6. Errata- Corrige:
    Ho appena visionato la trasmissione Report, il nome Abate ( della lista massonica pubblicata ) non corrisponde all’ex sindaco Abbate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top