Corte dei Conti. L’Asp Ragusa e somme covid: “Tutto certificato”

Tempo di lettura: 2 minuti

La Corte dei Conti sul rendiconto generale della Regione siciliana, capitolo 19 (paragrafo 1.1.1),  recita testualmente: “L’attività istruttoria si è rivolta alla verifica di quanta parte delle risorse comunitarie riprogrammate nel modo descritto nella relazione integrale, sia stata effettivamente certificata: gli esiti hanno restituito un dato prossimo al 50%, poiché su 400 milioni circa di variazioni finanziarie conseguenti alle riprogrammazioni, sono stati certificati circa 216,8 milioni di euro”. Non è emersa, inoltre, con chiarezza l’esistenza di un coordinamento nell’impiego delle risorse, comunitarie e nazionali, erogate per l’emergenza sanitaria, mentre si è rilevata la destinazione di un ingente importo della spesa certificata in favore dell’ASP di Ragusa: complessivamente 23,4 milioni di euro, erogati in due fasi, per la fornitura di test rapidi (tamponi rino-faringei) per la rilevazione del SARS-COV-2”.
Secondo la relazione dei magistrati si evince, pertanto, che la cifra destinata all’ASP di Ragusa per la fornitura dei test rapidi (tamponi rino-faringei), è stata completamente certificata. E ciò non può rappresentare una fonte di demerito: semmai, il contrario.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI