Cerca
Close this search box.

“Prendere o lasciare”…l’opinione di Rita Faletti

Tempo di lettura: 2 minuti

Calendario di luglio 2022: un cerchietto rosso evidenzia il 20, mercoledì 20 luglio, data dell’intervento di Mario Draghi alle Camere dopo le annunciate dimissioni di giovedì scorso. Inutile chiedersi cosa dirà il premier che ieri era in Algeria per garantire al nostro paese le forniture di gas per l’inverno. In base agli accordi firmati con quel paese, che sarà il nostro primo fornitore di gas, potremo contare su un ulteriore  aumento di 4 miliardi di metri cubi già dalla prossima settimana e con il potenziamento delle infrastrutture fare arrivare la materia prima anche ai paesi del Nord Europa. L’impegno del governo italiano e di Draghi, in prima fila su temi importanti tra cui l’approvvigionamento energetico e il fermo sostegno all’Ucraina, spiega il crescente pressing  nazionale e internazionale perché il premier rimanga a Palazzo Chigi. I partiti della maggioranza sono in fermento: Salvini e Berlusconi si oppongono a un governo con i Cinque stelle, troppo incompetenti e inaffidabili (non Giorgetti  per il quale la presenza di Draghi a palazzo Chigi è fondamentale), mentre Letta non ha perso la speranza che il Movimento voti la fiducia. Un malaugurato ritorno di fiamma che ricorda quanto disse nel  gennaio 2021: “Il Pd ha una sola parola ed esprime un solo nome come possibile guida di un nuovo governo di cambiamento. Quello di Giuseppe Conte”.   Nel paese, sono trasversali  gli inviti a Draghi a continuare: Confindustria, Ance, Federacciai, aziende grandi e piccole, economisti, professionisti, associazioni di categoria, sindacalisti, una grossa fetta di cittadini e mille sindaci che hanno firmato una petizione perché Draghi continui. E’ quanto ribadiscono anche von der Leyen, Macron e Scholz. In casa grillina è subbuglio: l’assemblea nazionale convocata da Conte tre giorni fa è diventata permanente. Ognuno dà la sua versione sulla situazione di impasse ed è alla ricerca di una soluzione alla propria crisi personale. Un numero imprecisato di parlamentari  governisti è pronto a staccarsi dal movimento e votare la fiducia a Draghi, l’ala dura giustifica la sua posizione ritenendo il premier responsabile della fine della legislatura per via di quei nove punti sui quali Conte ha chiesto risposte “concrete”. Da che pulpito!  L’uomo ribattezzato dai suoi “frattanto” e “salvo intese” per l’abilità dilatoria, che ha istanze urgenti (i nove punti) ma che non pretende risposte urgenti (entro fine luglio), sfida un premier che “con gli ultimatum non lavora” e non intende vivacchiare; l’uomo che cambia opinione in continuazione perché non ne ha nessuna, pretende di misurarsi con chi ha una visione e un progetto; chi ama le sfilate da rockstar in mezzo alla gente lancia il guanto della sfida alla sobrietà, alla sintesi, alla riflessione in solitudine; chi voleva “ridare dignità alla politica” la copre di vergogna con il cinismo di un   piano avventato per un ritorno quanto mai incerto dei consensi del passato, mettendo a repentaglio il futuro di un paese. Culture diverse, antitetiche e inconciliabili. Di Maio, secondo i contiani il “traditore”, è il più tranchant dei critici dell’ex premier. Il ministro ha accusato Conte di attentato alla stabilità e sicurezza economica del paese e di aver ricevuto l’endorsement dall’ambasciatore russo a Roma sulla bozza di risoluzione che indicava la linea italiana sull’Ucraina. Matteo Renzi, nei confronti del quale gli italiani hanno un debito di riconoscenza per averli liberati prima da chi aspirava ai “pieni poteri”, poi dall’autoproclamatosi avvocato del popolo, tratteggia con l’immancabile verve lo scenario politico presente e abbozza  qualche previsione sul futuro. Per cominciare, definisce Draghi uno statista che ha idee e Conte uno stagista che pensa ai sondaggi non alle idee. Finirà che Raggi e Di Battista gli faranno le scarpe. Sul campo largo del Pd con i Cinque stelle è netto: è un campo allagato. L’alleanza con i grillini è una disgrazia perché i grillini sono un danno permanente alla società italiana e, con sua grande gioia, finiranno polverizzati, un po’ di qua un po’ di là. Se fossero stati al governo, oggi al Nazareno ci sarebbe Rocco Casalino a dettare le regole. In quanto a Draghi, dovrebbe rimanere, e nel suo discorso alle Camere, porre le proprie condizioni e dire cosa vuole fare. Prendere o lasciare.

487957
© Riproduzione riservata

15 commenti su ““Prendere o lasciare”…l’opinione di Rita Faletti”

  1. Tonino Spinello

    L’Italia comprerà il gas dall’Algeria e grazie a Draghi, ci distaccheremo dal Cremlino e non avremo più nessun bisogno di Putin e del suo gas. Peccato che la Sonatrach, compagnia energetica algerina, è il principale partner di Gazpron: quest’ultima è proprietaria per il 51% dell’impianto di El Assel, che entrerà a pieno regime nel 2025. In pratica grazie a Draghi, il gas esce dalla porta ma rientra dalla finestra con costi molto più alti. Oltretutto 4 miliardi di metri cubi di questo gas rappresenta il 10% del nostro fabbisogno, il restante 90% non se ne parla. Come mai? Però si deve fare passare il messaggio che Draghi è sempre il nostro Salvatore, l’Onnipotente, l’Insostituibile, l’Eroe dei due mondi. Cioè il mondo finanziario e il mondo sanitario! Nel mondo finanziario le cose si stanno notevolmente complicando, Goldman Sachs (di cui Draghi è il sicario) lo scorso anno ha bruciato 2,6 miliardi di dollari sui mercati azionari. Nel 2022 sta accadendo un fenomeno nuovo: Negli ultimi 30 anni la finanza ha accumulato enormi ricchezze grazie alla globalizzazione uccidendo di fatto la classe media e creando molta più povertà. Oggi la de-globalizzazione in atto, riporterà in vita tutto quello che hanno distrutto, dalla classe media ai poveri. Nel mondo sanitario la maggior parte delle persone si stanno svegliando e ogni giorno sempre più persone si convincono che i vaccini sono stati solo una truffa. Ne dà prova che nessuno vuole farsi la quarta dose nonostante la propaganda fa vedere che fanno la fila per farsi punturare. Per non parlare della sentenza del tribunale di Firenze, (finalmente nei media nazionali) e di Treviso, Napoli, Catania e tanti altri che non sono stati considerati dai media. In pratica ogni giorno c’è una sentenza ove lo Stato deve risarcire persone per le avversità al vaccino o per essere stati integrati nei posti di lavoro. In pratica, anche il mondo (occulto) sanitario è un’altro flop degli illuminati globalisti.
    Draghi come detto in altri commenti era da tempo che cercava un pretesto per defilarsi, oggi lo ha trovato paradossalmente con Conte anche se aveva la maggioranza senza di Lui. Quindi mercoledi Draghi darà le sue dimissioni irrevocabili facendo piangere i tanti parlamentari che non potranno avere il bonus dei 100 milioni se arrivavano alla fine della legislatura. Per molti parlamentari è questo il motivo perchè ogni giorno recitano il rosario e le novene a Draghi per implorarlo di restare. Solo per questo. Diciamolo chiaro, Draghi poi non è voluto tanto bene dai politici come si vuole fare credere, è implorato e osannato perchè è il loro parafulmine al declino dell’Italia in tutto e per tutto.
    Dei politici, dei partiti, e di tutti i lecchini che ci girano intorno, non voglio entrarci perchè questi personaggi non meritano alcuna menzione!

    algerino (tra l’altro ora il pinon bastano

  2. Mario non ama il contraddittorio. Aveva la maggioranza, ma ha fatto capire che si deve fare come dice lui!! alza pure la voce. Vediamo se è di parola. Se ne vada pure!! O lui, o un’altro non cambia nulla per i cittadini. Altro che Putin……

  3. Signor Gino Lei la pensi come crede, ma io sono orgoglioso che Draghi sia italiano e che in questi mesi ci abbia rappresentato.

  4. Bravissimo Rocco, in tanti si renderanno conto fra qualche mese dell’errore fatto da Conte. Non mi riferisco ai commentatori per i quali non ho nulla da dire e che spero come sempre non si rivolgano a me, io parlo di idee e di opinioni.
    Le dimissioni di Draghi sono state un errore da parte di chi l’ha causato (la non fiducia ad un governo di larghe intese non è una opzione) e ci ricorderemo di Conte che ha causato questa crisi, non ci sono attenuanti. Ma Conte ormai lo leggeremo solo nei giornali per qualche mese e scomparirà per sempre, potrebbe essere arruolato da Milly Carlucci per la prossima edizione di ballando sotto le stelle, questo è il suo livello.
    Un comportamento non corretto , non dico altro, per la sinistra estrema che pur di attaccare il moderato Draghi non disdegna di votare con la destra (vergogna) per distruggerlo, ma si è autodistrutta, il prossimo governo sarà di destra estrema e poi sentiremo i commenti di questi neo comunisti, balordi, mi dispiace anche per il PD che in qualche modo ha fatto la spalla ai populisti, ne pagherà naturalmente le conseguenze.
    Le conseguenze peggiori le pagheranno gli italiani ed in particolare i più deboli, ma ormai non ho alcun dubbio sulle responsabilità. Stiamo aspettando le votazioni sulla fiducia e poi trarremo definitivamente i conti.
    Buona serata

  5. Ha fatto una brutta fine suxMario..rosolato nell’aula del Senato..
    La mano passa a Sergio, che farà?

  6. Ripeto, Mario aveva la maggioranza anche senza i 5 stelle. Poteva evitare questo teatrino. Ha mostrato il suo vero volto! Io l’avevo già capito comunque. Ma ne Mario, ne un’altro potrà tenere a galla questa nazione. Questione di tempo……la verità viene sempre a galla. Com’è venuta a galla con tutte queste emergenze……ops negligenze. Perché erano tutte prevedibili.

  7. Carissimo Terrorista, A.G., ecc., guardi che la brutta fine la sta facendo l’Italia, Draghi, a differenza di tanti altri, aveva messo a disposizione la sua influenza per l’Italia e non per tornaconto personale. Si ricordi che quando era alla BCE ha soggiogato anchi i falchi della Bundesbank ed ha dato respiro all’Italia, questa è storia e lei da persona intelligente lo sa più che bene.
    Come lei sa benissimo che tutto questo giova alla Russia e fra un po’ scopriremo chi si è prestato a questo sporco gioco.
    Senza dimenticare i mercati, con i quali, volenti o nolenti, dovremo fare i conti che saranno assai salati e questo ricadrà come sempre sulle persone più deboli.
    Il resto sono chiacchiere da osteria dove servono un pessimo vino.

  8. Ieri è emerso tutto il brutto carattere di Draghi.
    Colui a cui piace vincere facile, senza sudore e fatica.
    E con lui sono sprofondati i migliori ( si fa per dire ).
    Tutto lo sforzo di Mattarella volato via!
    Ma oggi potrebbe emergere una soluzione incredibile.
    Un colpo di bacchetta magica!

  9. Il fu “SuxMario: ha fatto di tutto per auto affondarsi.
    Netta la sensazione che gli sia rimasto solo di ritirarsi a fare il nonno.
    Altro che NATO o Banca Mondiale!

  10. terrorista, intantu mitti manu o portafuogghiu, lassa u redditu ri cittadinanza e addiviettiti, Giurgina ora ti spila vivu.

  11. Tonino Spinello

    La cosa positiva in tutto questo, è la certezza che il sig. Speranza sta preparando gli scatoloni e trovarsi un lavoro. Per l’esattezza il primo lavoro, a 43 anni non ha mai lavorato, solo qualche mese alla Barilla. Ma da buon parlamentare italiano faceva il “Ministro della Salute” per garantire i vaccini a tutti e a gestire una pandemia alquanto bizzarra e stucchevole.
    Ciao Roberto, con la “speranza” di non vederci più!

  12. @ Enzo:
    Poveri italiani, si sta ripetendo quanto accaduto 100 e passa anno fa..
    E dopo arrivarono i socialisti camuffati..
    Accadrà ora?

  13. @ Ciccio; si è ingozzato e non riesce a mandare giù la sorte di suxMario?
    Cerca di scatenare la propria rabbia su di me ed altri, perché avevo ragione e previsto la fine di suxMario..
    La vedo confuso ed accecato, e cerca di menare cazzotti alla cieca contro tutti..
    Attento a non farsi male, apra gli occhi, si sturi le orecchie, ed attento a non mutilarsi le falangette..
    Non ne vale la pena…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top