L’impianto di bio-gas a Modica. Il sindaco di Pozzallo chiarisce

Tempo di lettura: 2 minuti

La  posizione dell’Amministrazione Comunale di Pozzallo in merito all’impianto di Biogas di contrada Bellamagna non ha alcun  tipo di tentennamento ed è contrarissima, così come per la quasi totalità dei cittadini di Pozzallo, alla realizzazione dell’impianto di biometano. Lo chiarisce in una nota ufficiale il sindaco, Roberto Ammatuna.

Dopo la Sentenza del TAR Catania, che non ha accolto i ricorsi contro la realizzazione l’impianto di biometano, l’Amministrazione Comunale, come già spiegato ampiamente dai suoi avvocati nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale aperto, ha scelto la via più efficace e più aderente a difesa degli interessi della comunità, intervenendo nel ricorso in primo grado, ed intervenendo oggi in tutti i giudizi di appello promossi dai ricorrenti principali.

Gli interventi nei procedimenti dell’Amministrazione nei tre giudizi in appello, mossi da alcuni proprietari del Consorzio, saranno depositati nel corso della prossima settimana, e gli interventi ovviamente non potevano che essere depositati dopo la proposizione degli appelli. Non risponde a vero la notizia, anzi è falsa, della scadenza dei termini per la presentazione degli appelli.

“E bene chiarire – spiega Ammatuna – che l’Avvocato dell’Amministrazione ha deciso tale linea difensiva per la ragione che, pende ancora il ricorso straordinario al Presidente della Regione da noi promosso, ricorso che giuridicamente preclude la fase giurisdizionale innanzi al TAR, lasciando la facoltà di intervenire nei giudizi promossi contro lo stesso atto da terzi ricorrenti. Così facendo l’Amministrazione è stata ed è presente in tutti i possibili giudizi mirati ad annullare gli atti di assenso”.

La sentenza sarà impugnata innanzi al CGA avanti al quale l’Amministrazione Comunale, come per il primo grado, sarà presente e partecipe, assai più degli stessi ricorrenti.

“Rammento – aggiunge il sindaco – che è stata soltanto l’Amministrazione Comunale a presentare una relazione geologica in cui si dimostra il pericolo di inquinamento delle falde acquifere che riforniscono gran parte della città di Pozzallo;      a produrre uno studio archeologico approfondito sulle aree oggetto dell’intervento, che sarà utilissimo nel corso dell’appello; ad incaricare il Prof. Salvatore Sciacca in relazione alle immissioni odorifere, grazie ai quali contributi si è posto al centro la soluzione per tutta la comunità;

ad impugnare con ricorso gerarchico tutti i pareri della Soprintendenza ed invitarla ad apporre il vincolo su quell’area;

In conclusione tutte le vie giurisdizionali sono state seguite e si è chiesto, inoltre, ripetutamente un incontro con il Presidente della Regione Musumeci che ha la possibilità di bloccare la costruzione dell’impianto.

L’invito a tutti è quello di non spargere notizie false e tendenziose che indeboliscono la città e purtroppo di fatto avvantaggiano i titolari della società Biometano Ibleo.

Non bisogna mai dimenticare che i nostri avversari non sono a Pozzallo, ma risiedono in una città vicina ed hanno nomi e cognomi a tutti noti”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI