Finanziato sito minerario Castelluccio-Tabuna e Casina Rossa

Emendamento 400mila euro presentato dall'Onorevole Stefania Campo
Tempo di lettura: 2 minuti

Grazie all’approvazione di un emendamento per un importo di 400mila euro, presentato dalla deputata Stefania Campo e votato oggi in Finanziaria, sarà finalmente finanziato il sito minerario di Castelluccio-Tabuna e la messa in sicurezza della limitrofa casina rossa di Castelluccio Streppenosa. Già nel 1991 era stata prevista l’istituzione nella provincia di Ragusa del “Museo regionale naturale e delle miniere di asfalto di Castelluccio e della Tabuna”, ma non era stata mai finanziata. L’istituzione di questo nuovo sito museale, che da oggi quindi potrà contare sui 400mila euro passati in Finanziaria, sarà particolarmente significativa perché aggiungerà una nuova e particolare proposta culturale al patrimonio storico-naturalistico già presente negli Iblei. Difatti, nonostante le disposizioni di legge, questi musei non sono mai stati attivati, ora invece queste prime risorse economiche serviranno a dare nuovo impulso alla ripresa dell’iter progettuale. “Abbiamo sempre lavorato – dichiara la deputata regionale Stefania Campo – per recuperare e valorizzare la memoria storica delle miniere. Luoghi di lavoro dove tanti operai persero la vita e agglomerati del nostro passato che possono raccontare ancora tanto dei secoli scorsi. Una parte della storia della Sicilia vive dentro questi siti, come sospesa nell’abbandono, e pertanto appare veramente impensabile che possano andare perduti o peggio ancora venire utilizzati come depositi di scorie pericolose. Il nostro emendamento, approvato in Aula, è un modo ragionevole per tutelare questi nostri siti storici e per evitare che avvengano ulteriori scempi ambientali”.

Inoltre, lo storico edificio conosciuto con la denominazione “Casina rossa”, sito sulla Modica-Scicli, e che affianca le miniere di Castelluccio Streppenosa, sarà messo in sicurezza per diventare successivamente la sede gestionale del Museo minerario stesso. Ne dà notizia la stessa esponente del Movimento 5 Stelle di Ragusa. “Il progetto originario prevedeva, tra l’altro, la realizzazione, all’interno della “Casina”, del vero e proprio Museo dell’asfalto, oltre che la creazione di sentieri naturalistici per permettere una completa fruizione di tutta l’area del parco. Recuperare l’immobile è qualcosa di enormemente importante da un punto di vista storico, ma anche culturale e turistico, con inevitabili benefici non solo per le città di Modica e Scicli, ma per l’intero territorio. Seguiremo adesso molto attentamente l’iter di questi lavori che rappresentano un primo passo per l’utilizzo del parco e per la messa in sicurezza dell’immobile”.

“La Casina rossa è un immobile che andava recuperato e valorizzato – commentano i consiglieri comunali di Modica, Marcello Medica e di Scicli, Concetta Morana – Esprimiamo quindi grande soddisfazione per il fatto che in sede di Finanziaria all’Ars si siano trovate le necessarie somme per potere iniziare un’adeguata opera di rilancio di uno spazio storico che può rappresentare un punto di aggregazione culturale ma anche turistico importante. Il nostro lavoro, insieme alla nostra deputata regionale Stefania Campo ha dato i suoi frutti e non possiamo che esserne soddisfatti”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI