Accesso al mare diversamente abili, 100mila euro per gli iblei

Emendamento presentato dalla deputata regionale del M5S di Ragusa, Stefania Campo
Tempo di lettura: 2 minuti

Centomila euro per i Comuni della provincia di Ragusa, per garantire l’accesso al mare ai diversamente abili tramite l’uso di apposite passerelle. É il contenuto di un emendamento presentato dalla deputata regionale del M5S di Ragusa, Stefania Campo, che è stato votato favorevolmente oggi all’Ars in sede di Finanziaria. “Solo martedì scorso – rileva Campo – le spiagge di Marina di Ragusa, Marina di Modica, Raganzino a Pozzallo e Cirica a Ispica, sono state insignite del prestigioso riconoscimento della bandiera blu, mentre siamo in attesa dell’assegnazione delle bandiere verdi di quest’anno, ovvero quelle che certificano le spiagge a misura di bambino e quindi consigliate dai pediatri. Non potevamo non pensare, pertanto, a tutti coloro che hanno maggiori difficoltà a raggiungere la battigia e dunque ai diversamente abili. I Comuni che faranno richiesta potranno accedere a questo fondo che finanzierà le passerelle che serviranno da accesso al mare. Tra l’altro grazie al nostro impegno, i Comuni che lo scorso anno sono stati insigniti della bandiera blu e che saranno premiati con la bandiera verde riceveranno anche quest’anno un contributo regionale attraverso un apposito fondo di 350 mila euro per le bandiere blu e 100 mila per la bandiera verde. Contributi ulteriori dunque Modica, Ispica, Ragusa, Pozzallo, e per i 3 comuni bandiera verde 2021: Santa Croce Camerina, Scicli e Vittoria”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI