Truffa il prete a Trapani. Il “Seriale” Giorgio Covato arrestato a Ispica

Tempo di lettura: 2 minuti

Arrestato a Ispica dai carabinieri di Trapani e Modica, dopo 17 giorni di latitanza,  il pregiudicato sciclitano Giorgio Covato, 42 anni, accusato di truffa,  calunnia, indebito utilizzo e falsificazione di strumenti di pagamento.

Tra luglio e novembre dello scorso anno 2021 era riuscito a guadagnarsi  la fiducia di un sacerdote trapanese, che gli ha consentito di scontare gli arresti domiciliari presso la casa canonica, e poi si è impossessato della carta di debito del prete e prelevato mille euro, servendosi dell’ignara collaboratrice della struttura reliogiosa. La donna avrebbe effettuato diversi prelievi e ricariche convinta dall’uomo che il denaro sarebbe stato utilizzato a favore degli altri ospiti della casa canonica.

econdo le indagini il Covato ha successivamente truffato sia la donna che alcuni suoi familiari. In particolare, l’uomo si è finto prima un avvocato e dopo un funzionario del Tribunale, e sarebbe riuscito con artifizi e raggiri a farsi consegnare delle cospicue somme di denaro fino a quando le vittime, resesi conto della situazione, si sono rivolti ai Carabinieri.

A quel punto il truffatore ha intuito che i militari dell’Arma erano sulle sue tracce ed è fuggito. Dopo 17 giorni di latitanza, ad Ispica, è stata messa fine alla sua presunta fuga e rinchiuso presso il carcere di Ragusa.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI