Bando accreditamento Scicli, Anfass Modica chiede annullamento

“Emerge che in città non c’è una cultura dell’ascolto rispetto alle problematiche del terzo settore”
Tempo di lettura: 2 minuti

Anche l’Anffas onlus Modica, dopo avere preso atto delle critiche provenienti dai vertici di Confcooperative Ragusa, stigmatizza la scelta del Comune di Scicli di non coinvolgere il mondo del terzo settore in generale nella redazione del nuovo bando per l’accreditamento. Un coinvolgimento che, tra l’altro, prende le mosse dalla nuova legge sulla riforma del terzo settore in cui si parla chiaramente di co-progettazione e co-programmazione. “Leggendo il bando – sottolinea il presidente di Anffas Modica, Giovanni Provvidenza – si evince che si fa riferimento anche all’accreditamento dei centri diurni per disabili. E, però, sembra emergere che chi dirige l’ente locale non conosca la parte burocratica di come funzioni un accreditamento per queste strutture visto che occorre fare riferimento alla legge 2 dell’86 in cui è contemplato che un’associazione, un ente o una cooperativa dovrebbe potere contare intanto su locali con una misurazione minima di 300 mq e poi potersi avvalere di personale specifico, compreso l’infermiere”.

“Dal bando, inoltre – prosegue ancora Provvidenza – si capisce che non sono messi in pratica i veri fabbisogni della popolazione che ha bisogno di questi servizi per non parlare del fatto che sembra non si conoscano le associazioni presenti sul proprio territorio comunale, da quelle di promozione sociale a quelle di volontariato. Questo fa comprendere che l’amministrazione comunale di Scicli non ha mai ascoltato le realtà presenti nell’ambito cittadino ma anche quelle che non sono presenti e che, però, pur agendo all’esterno del territorio comunale, si occupano di persone residenti a Scicli. Anche l’Anffas di Modica, ad esempio, conta degli associati a Scicli che usufruiscono dei nostri servizi”.

Il presidente Provvidenza aggiunge: “Abbiamo presentato al Comune diverse proposte, diverse pec sono state inviate al protocollo, proprio per rappresentare problematiche analoghe, ma mai sono state prese in considerazione. Tutto ciò ci fa comprendere che non c’è una cultura dell’ascolto per quanto riguarda il terzo settore. In più, il Comune di Scicli, pur avendo deliberato, come hanno fatto gli altri Comuni del distretto socio-sanitario 45, lo schema della convenzione Onu delle persone con disabilità, non ha mai preso atto dei contenuti come, invece, sarebbe necessario fare. Ecco perché chiediamo che il bando sull’accreditamento sia annullato e che, piuttosto, il Comune ascolti la parte sociale operante nel proprio territorio dando vita a quei percorsi sul fronte della co-progettazione e della co-programmazione che si rendono necessari per fornire un sostegno a chi ne ha davvero bisogno”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI