Governo Draghi senza ministri siciliani

Tempo di lettura: 2 minuti

La Sicilia lascia palazzo Chigi, l’esecutivo Draghi difatti non include nessun ministro siciliano. Non accadeva da quando a palazzo Chigi sedeva Mario Monti. Nel precedente governo erano presenti invece i siciliani Bonafede, Azzolina e Provenzano.

Le scelte di Draghi lasciano l’amaro in bocca tra i deputati del M5s all’Ars. I grillini siciliani in una nota esprimono il loro malcontento. Non era certo questo il governo che ci aspettavamo e che ci si aspettava soprattutto in Sicilia. “Siamo delusi sia dal nome dei ministri, che dalla loro provenienza geografica. La Sicilia è stata totalmente dimenticata, e in questo momento storico, con la programmazione del Recovery fund, questo può essere devastante, contribuendo ad allargare ancora di più il gap tra Nord e Sud. Se fossimo al posto dei parlamentari siciliani a Roma non voteremmo la fiducia a questo governo Draghi”.
La delusione è tangibile: “La Sicilia – afferma il capogruppo Giovanni Di Caro – è sempre stata una roccaforte per il Movimento 5 stelle, non essere rappresentata nell’esecutivo è uno schiaffo per i nostri cittadini, che non meritavano. Inoltre abbiamo ceduto ministeri chiave e capisaldi dell’azione politica del Movimento, primo fra tutti il ministero del Lavoro”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI