Cerca
Close this search box.

Vicenda vaccini. “Sbagliato interrompere la somministrazione”

Seconda dose vaccini per i “furbetti”, on. Dipasquale (PD) scrive al manager ASP 7
Tempo di lettura: 2 minuti

L’on. Nello Dipasquale, parlamentare regionale del Partito Democratico, ha scritto una nota indirizzata al Direttore generale dell’ASP 7 di Ragusa, arch. Angelo Aliquò, per esprimere la propria preoccupazione in merito alla decisione dell’Assessorato regionale alla Salute, di interrompere il percorso farmacologico per i cosiddetti “furbetti dei vaccini”, negando loro la somministrazione della seconda dose.
Di seguito il testo della nota:

“Direttore Aliquò,
come sicuramente ricorderà, in merito alla campagna vaccinale in Sicilia, sono stato tra i primi a denunciare il cosiddetto “scandalo dei furbetti dei vaccini” che grande scalpore ha suscitato fino ad arrivare agli onori della cronaca nazionale e per il quale ho espresso posizioni di ferma condanna morale nei confronti dei responsabili. Tuttavia, Le consegno con questa nota la mia preoccupazione rispetto alla decisione dell’Assessorato regionale alla Sanità di non procedere alla somministrazione della seconda dose per questi famigerati “furbetti”.
Ritengo che ogni dose di vaccino sia preziosa e quindi non procedere al richiamo anche nei confronti di chi l’ha ottenuto in modo non trasparente vorrà dire, di fatto, aver buttato delle dosi, quando comunque, prima o poi, queste persone dovranno essere vaccinate lo stesso. Inoltre, e questa è la mia preoccupazione maggiore, la comunità scientifica nazionale, e non solo, è attualmente divisa sui rischi che si corrono nella ipotesi di interruzione del protocollo vaccinale che prevede che la seconda dose vada somministrata entro 21-28 giorni dalla prima, e comunque non prima di 19 e non oltre 42 giorni dalla prima iniezione.
Questo protocollo di somministrazione è stabilito per più motivi: innanzitutto si teme che somministrare solo una delle due dosi previste potrebbe generare una variante del virus nei confronti della quale, poi, il vaccino stesso potrebbe essere inefficace; in secondo luogo, oltre quei termini, si sarebbe “fuori etichetta” e legalmente verrebbe meno la possibilità di rifarsi nei confronti del produttore del farmaco in caso di un qualsiasi problema.
Come anticipato poco sopra, la comunità scientifica è attualmente divisa su quali potrebbero essere i rischi, ma la posizione maggiormente accreditata è quella che fa riferimento al parere di autorevoli professionisti del settore come il prof. Roberto Burioni, il virologo Massimo Clementi e l’immunologa Antonella Viola i quali sostengono con forza che non si debba interrompere il protocollo proprio per i rischi già espressi.
Per queste ragioni e in considerazione della Sua posizione La invito pertanto a riflettere attentamente sul da farsi perché – Dio non voglia! – se dovessero insorgere problemi o se si dovesse sviluppare un nuovo ceppo del virus per colpa di una posizione non scientifica, ma morale, le conseguenze sarebbero gravissime.
I responsabili dello scandalo sono già stati condannati dal giudizio etico di ognuno di noi, saranno sanzionati con provvedimenti disciplinari e risponderanno di quanto fatto anche dinanzi alla Giustizia, ma il percorso farmacologico iniziato deve essere portato a termine”.

444640
© Riproduzione riservata

7 commenti su “Vicenda vaccini. “Sbagliato interrompere la somministrazione””

  1. Sono argomentazioni condivisibili. Anche i provvedimenti adottati ,procedimento disciplinare, sospensione per trenta giorni….., mi sembrano eccessivi, se si tratta di dirigenti che in passato hanno avuto sempre giudizi positivi…. Forse sarebbe bastata una censura scritta! Minacciare perfino il licenziamento mi sembra un’opera di distrazione di massa, da primi della classe…! In provincia di Palermo i numeri sono ben più alti, ma non sono andati a finire a Piazza Pulita o da Giletti…. perché? Il Presidente della Regione non lo sa che in altra Regioni ci sono stati numerosi casi analoghi a quelli sui quali auspica esemplari misure punitive e antiscientifiche…..?

  2. Interrompere la somministrazione del richiamo effettivamente non ha senso. Però punire severamente questi personaggi si. Soprattutto chi ha autorizzato la vaccinazione di persone non in lista.

  3. Giovanni Savarino

    La questione non è così banale. Questi signori hanno sottratto la prima dose a chi ne aveva bisogno perchè in prima linea ed adesso dovrebbero rubare anche la seconda ? Se il rischio fosse uguale per tutti sarei d’accordo ma non è così. Cosa raccontiamo all’ottantenne che finisce intubato perchè qualcuno ha rubato la sua dose ? Ed al sanitario che bazzica tutti i giorni fra contagiati ? Ed al medico di famiglia che DEVE visitare ogni giorno decine di possibili infetti ? Ripeto, la cosa non è come sembra, qualcuno ha messo e sta mettendo a rischio la vita di altri.

  4. Toc !toc! Se per favore qualcuno di vossia potrebbe dire a un semplice manovale come me, se anche le cellule neuronali sono stimolati dal vaccino a Rna a produrre la proteina spike e se questa possa in qualche maniera entrare negli spazi interstiziali e interferire con i neuro trasmettitori.

  5. Carissimo , per quanto ne so a quanto pare alcuni, casi sporadici e rari, se non sono male informato, hanno riportato come effetto collaterale paralisi facciale,mah!!!!boh!!!!!! Comunque se non ti sono stato d ‘ aiuto , ci ho provato.

  6. Pseudovirologo

    Caro franciash, secondo le mie conoscenze la vitamina spike dovrebbe degradarsi e non aggregarsi in siti biologici pericolosi, dove essere attaccata e distrutta dagli anticorpi, spero esserti stato d’aiuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top