Modica, D’Antona: “Una brutta scivola in cemento tra monumenti”

Tempo di lettura: 2 minuti

Nel mese di novembre del 2019 furono sollevate da tanti cittadini, partiti e gruppi consiliari di opposizione forti critiche per la realizzazione lungo la Via Castello, nella parte di ingresso da Corso San Giorgio, di una scivola in cemento.

” L’indignazione manifestata da tanti cittadini per quella colata di cemento in un punto strategico del barocco modicano, tra il Castello dei Conti, la Chiesa di S. Giorgio e la Chiesa di S. Pietro, tutti monumenti riconosciuti patrimonio dell’Umanità dall’Unesco – denuncia Vito D’Antona (foto) di Sinistra – costrinse Abbate, che non mancò di attaccare indiscriminatamente tutti coloro i quali avevano espresso perplessità, a chiarire il senso di quell’intervento, specificando che si trattava di una “installazione momentanea” al servizio di una ristrutturazione privata di un edificio ubicato nella stessa strada, spingendosi fino al punto, come sottolineò, di volere “ergere questa scivola della discordia a simbolo della rinascita del nostro centro storico”.

Anche l’assessore Linguanti, in una seduta del Consiglio Comunale, alle domande dei consiglieri di opposizione, confermò che quella scivola aveva il carattere della temporaneità, invitando per tutti gli altri aspetti di carattere tecnico, in modo certamente irrituale per un amministratore che avrebbe dovuto fornire tutti gli elementi richiesti, di “fare accesso agli atti negli uffici”.

Dopo tanto tempo, un anno e tre mesi, la colata di cemento si trova ancora collocata nello stesso posto e continua ad estendersi per circa duecento metri, invadendo una parte considerevole della scalinata.

Ancora una volta, come nel caso della sostituzione delle lampade nel centro storico, l’improvvisazione e l’assenza di una sensibilità politica ed amministrativa, che caratterizzano l’attuale amministrazione, sostituisce lo studio e l’approfondimento di soluzioni adeguate a tutelare le bellezze architettoniche e monumentali della nostra città, anche in presenza di opportuni interventi di recupero”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI