Minardo: “Prezzi indecenti per volare in Sicilia”

Il Governo approvi la continuità territoriale e dimostri di non essere solo chiacchiere e promesse!!!
Tempo di lettura: 2 minuti

Il caro biglietti aerei di questi giorni, certifica, ancora una volta e semmai ce ne fosse bisogno, la necessità che la Sicilia abbia la costante della Continuità Territoriale ed esca da quella condizione di ‘isolamento’ geografico e non solo, cui la riducono e la relegano il disinteresse di chi governa il Paese e, nello specifico, le compagnie aree che continuano a speculare in alcuni periodi dell’anno, sulla voglia di tornare a casa di tantissimi Siciliani. Non è più tollerabile e non è più ammissibile, denuncia l’Onorevole Nino Minardo, che per andare da Milano a Catania, si paghino 300 e più euro per un biglietto di solo andata e fino a 500 euro per andata e ritorno! Una vergogna! E se questo vale per tutta l’Isola, vale ancor di più per le isole cosiddette ‘minori’ della nostra Terra: Lampedusa e Pantelleria. Che subiscono due volte la loro condizione di essere ‘staccate’ dal Paese perché vessate ulteriormente da tariffe penalizzanti e al limite del vergognoso. Ho presentato l’emendamento sulla Continuità Territoriale per la Sicilia alla Legge di Stabilità in questo momento all’esame della Camera, afferma Minardo. Sulla scorta del mio emendamento di 4 anni fa, legato allo stesso argomento, siamo riusciti ad avere un bando sulla Continuità territoriale, per i voli a tariffa agevolata dagli aeroporti di Trapani e Comiso, che ha approfittato anche dell’intervento economico della Regione. Adesso è il momento di puntare a maggiori risorse da destinare ai Siciliani che devono e vogliono prendere l’aereo, perché quell’emendamento di 4 anni fa -come dissi già allora- è stato solo il primo atto di un percorso che deve essere sistematico, continuo e soprattutto congruo e adeguato nell’impegno finanziario, a beneficio di 5 milioni di Siciliani che, al di là dell’attuale situazione contingente che limita gli spostamenti, vogliono poter ‘volare’ a prezzi ragionevoli e contenuti e non essere assoggettati a tariffe aeree vessatorie e penalizzanti. Il Governo si muova e mostri finalmente quell’interesse verso la Sicilia e i Siciliani, in modo concreto e non con parole e promesse vacue, in modo opposto a quello finora mostrato. E basta vedere lo ‘zero assoluto’ previsto per le infrastrutture siciliane in un Recovery Plan che ignora la nostra Isola, mettendola fuori da ogni progetto e da ogni idea attuativa. Il governo giallorosso, conclude nella nota Minardo, ci dica una volta per tutte se la Sicilia fa parte della ‘loro’ Italia oppure no. E la Continuità Territoriale è una delle domande dei Siciliani a cui loro devono una risposta… Staremo a vedere!
On

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI