Cerca
Close this search box.

Comitato dei piccoli azionisti della BAPR scrive al Ministro

Tempo di lettura: 5 minuti

Il comitato dei piccoli azionisti della Banca Agricola Popolare di Ragusa, impegnato da tempo a risolvere l’intricata vicenda bancaria, ha coinvolto in un tavolo tecnico ancora aperto al MEF, sia la BAPR, sia tutte le Istituzioni tra le quali Banca d’Italia, Comitato e Associazioni dei consumatori, deputate a tentare di risolvere il problema che ci occupa.
Quello che il comitato chiede da tempo, è la rimozione di tutti gli ostacoli normativi e di vigilanza che non consentono alla BAPR, banca solida e ben patrimonializzata, di riacquistare le azioni in titolarità dei soci, da loro acquistate nel tempo, e restituire, pertanto, i risparmi investiti da coloro che ne fanno richiesta.
Il coinvolgimento dell’UE nel 2019 con il Commissario Valdis Dombrovskis ha permesso di sdoganare il limite del 2% per l’acquisto delle azioni proprie (cosiddetta norma prudenziale) per le banche sane, infatti, proprio a seguito di una interrogazione presentata da un europarlamentare, si è precisato il vincolo inderogabile di tale limite, che non va per l’appunto applicato alle banche in salute.
In aggiunta, il recente divieto imposto dalla BCE a non erogare i dividendi, impone un ulteriore sacrificio agli azionisti che, non potendo vendere le azioni, quantomeno avevano la certezza di un minimo utile dalla proprietà delle azioni.
I punti centrali sui quali le Istituzioni devono dare delle risposte concrete, per sedare le proteste dei piccoli azionisti, sono i seguenti:
1) Le autorizzazioni di somme chieste dalla BapR alla Banca d’Italia non possono essere considerate alla stregua di un buy back – che risulta al momento “vietato” dalle Autorità di vigilanza a livello europeo, per le note problematiche legate alla crisi economica. Il tema delle autorizzazioni al riacquisto di azioni proprie e delle limitazioni di matrice comunitaria e nazionale, sappiamo avere il tenore di raccomandazione e comunque carattere derogabile in presenza di determinati requisiti.
2) Si rende necessario trovare una soluzione, concordata e condivisa con l’istituto, per far sì che i diritti ad oggi attribuiti agli eredi dei soci non si pongano come un oggettivo detrimento delle altre esigenze, continuando a creare una oggettiva (e in taluni casi poco “democratica”) disparità di trattamento. Si fa anche riferimento, rimanendo in argomento, alla esigenza di incrementare le disponibilità del fondo di solidarietà, circostanza che consentirebbe, conseguentemente, di allargare i limiti (su criteri di invalidità e di Isee) previsti per l’accesso al fondo di solidarietà, specialmente in questo momento di particolare disagio sanitario aggravato dal disagio economico.
3) Appare poi necessario ed urgente, risolvere i problemi del mercato secondario Hi-MTF, le cui norme, al momento, non favoriscono la liquidabilità delle azioni, creando notevoli problemi ai soci che pongono le loro azioni in vendita. Il mercato ha avuto un solo risultato: la perdita di più del 40% del valore delle azioni in poco più di un anno. Problematiche tutte note alle Autorità di Vigilanza. Il mercato non decolla per mancata fiducia tra clienti e banche per le note questioni bancarie, in cui il Governo ha introdotto un ristoro per i truffati.
In tutta questa vicenda riguardante la Banca Agricola popolare di Ragusa, banca siciliana riferimento del territorio ed ottimamente patrimonializzata, il comitato ha avuto l’interesse costante del Sottosegretario On. Alessio Mattia Villarosa, ed è proprio grazie al suo impegno che si è istituito un tavolo al MEF ove si sono avuti diversi incontri, oltre al fatto che lo stesso ha incontrato i piccoli azionisti a Ragusa per ben tre volte.
Purtroppo, l’attuale emergenza sanitaria, ha impedito il proseguimento delle successive fasi ed è stato tutto sospeso. Come se ciò non bastasse, si sono aggiunte problematiche riguardanti il Sottosegretario On.Villarosa (unico riferimento per gli azionisti) in riferimento alle mancate deleghe sulle banche, mettendo tutti in gravi difficoltà ed acuendo la tensione degli azionisti, che è sfociata in plurime manifestazioni a danno dell’immagine della Banca. A questo riguardo, con la presente ci si appella al Preg.mo Sig. Ministro affinché faccia in modo di non pregiudicare il lavoro fin qui svolto proprio grazie alle necessarie interlocuzioni Istituzionali.
La conseguenza spiacevole di quanto lamentato, è la protesta continua dei risparmiatori con conseguenti danni irreparabili per lo stesso istituto bancario. Eppure con circa 35 milioni, la BapR potrebbe, attraverso una deroga una tantum, con le necessarie autorizzazioni, risolvere il contenzioso autonomamente e senza
aiuti di Stato, considerato anche il periodo storico assai critico.

Pertanto, all’uopo, sarebbe auspicabile un incontro del Tavolo Tecnico al MEF – da attuarsi, nel rispetto delle vigenti disposizioni governative emanate a tutela della salute pubblica e conseguenti alla fase epidemiologica emergenziale ancora in atto, anche attraverso una Video Conferenza – al fine di potere avere un chiaro confronto sulla definitiva soluzione del problema esposto. Sul punto, anche tenuto conto di quanto detto al punto 3), si ritiene auspicabile allargare il tavolo tecnico ad un esponente di rilievo del mercato Hi-MTF.
In attesa di riscontro, si porgono distinti saluti.
Il comitato dei piccoli azionisti della Banca Agricola Popolare di Ragusa

440366
© Riproduzione riservata

1 commento su “Comitato dei piccoli azionisti della BAPR scrive al Ministro”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top