Strada provinciale chiusa per incidente alle porte di Pozzallo.

Tempo di lettura: 2 minuti

Incidente stradale e intervento dei carabinieri sulla vecchia strada Modica Pozzallo, chiusa da lunedì per dei lavori di manutenzione programmati dal libero consorzio di Ragusa. Il tratto interessato è difatti di competenza provinciale. Lunghe code d’auto si sono formate in queste ore. Lo scarso preavviso con cui sono stati installati i cartelli per la deviazione ha causato caos, disagi e qualche pericolo, dal momento che gli automobilisti non avevano capito che la strada fosse chiusa al transito veicolare. Apprensione tra i residenti, alcuni dei quali impossibilitati ad entrare o ad uscire dalle loro case per via del lungo serpentone d’auto formatosi su entrambe le corsie.

Come accennato, la situazione di potenziale pericolo si è concretizzata con un incidente stradale e con il conseguente intervento di una pattuglia dei militari. Pare che un’auto abbia sfondato le transenne di recinzione. Non vi sarebbero feriti gravi. Tutti si chiedono come mai i lavori siano iniziati con così poco preavviso, causando i suddetti disagi. Numerosi gli automobilisti che sono scesi dalle proprie macchine, sbracciandosi, per avvisare gli altri automobilisti in transito di rallentare. I lavori in questione interessano il tratto di provinciale 45 Bugilfezza Pozzallo per la posa, tra l’altro, di tubi di drenaggio tra i terreni ai lati della strada. Il caos maggiore si registra in contrada Danieli, praticamente quasi alle porte di Pozzallo.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI