Tribunale di Ragusa e inutilizzo Modica: “Documento inquietante

M5S Modica. Fuori da ogni logica spendere € 24 mln e lasciare chiusi i locali di Modica costati € 12 mln
Tempo di lettura: 2 minuti

Riguardo alla vicenda Tribunale di Ragusa ed ex Tribunale di Modica, il M5S di Modica ritiene fuori da ogni logica spendere  24 milioni di euro per ulteriori locali a Ragusa e al contempo lasciare chiusi i locali di Modica costati 12 milioni. In questi giorni sta circolando un documento del Settore III del Comune di Ragusa (Governo del Territorio – Centro Storico – Urbanistica ed Edilizia Privata) dal titolo: “Avviso Pubblico Informale di sollecitazione di proposte di iniziativa privata ex art. 183, commi 15 e 16, d.lgs. n. 50/2016 connesse ad un Contratto di Disponibilità o altre forme di Partenariato Pubblico Privato (PPP) per l’acquisizione, il completamento e la messa a disposizione dell’Amministrazione Comunale di Ragusa di “Palazzo Tumino” al fine di destinarlo a “cittadella giudiziaria”, uffici della GDF e uffici comunali”.
Dalle righe del documento, dunque, si evince che il Comune di Ragusa si è già attivato per acquisire il palazzo Tumino (un edificio privato), procedere alla sua ristrutturazione e quindi, nella maggior parte degli spazi ricavati insediare il Tribunale con un impegno di spesa totale previsto di 24 milioni di euro (Costo massimo di acquisizione dell’immobile: 15.000.000 di euro. Costo parametrico della progettazione e implementazione degli interventi di completamento dell’immobile comprensivo delle spese connesse all’utilizzo di strumenti di PPP:  9.000.000 euro)!
“In questa vicenda due cose ci sorprendono: che ad oggi, nonostante tale documento porti la data del 30 luglio scorso, unico a chiedere chiarimenti sulla scandalosa vicenda che vi si palesa – dice Marcello Medica,  consigliere comunale pentastellato di Modica – sia stato il portavoce del M5S, Sergio Firrincieli, consigliere comunale di Ragusa, mentre nel piatto silenzio sono rimasti finora i paladini del campanile modicano.
La seconda: perché nel contingente momento di estrema crisi, l’Amministrazione Comunale ragusana si prefigge di sottrarre 24 milioni di denaro pubblico a scopi più impellenti, e replicare con questi soldi sul suo territorio la struttura già esistente a Modica”?
Il M5S di Modica, nel ribadire che quanto si sta pian piano rendendo concreto è fuori da ogni logica di pianificazione, risparmio della spesa pubblica e di coordinamento e raccordo tra vari enti a tutti i livelli coinvolti, ci tiene a precisare che continuerà a lavorare per il riutilizzo dei locali modicani a fini giudiziari, mettendo a nudo i fatti che man mano si consumano per mettere al corrente la cittadinanza e affinché ognuno si assuma la propria responsabilità di fronte a simili scelte scellerate. Il M5S di Modica, inoltre, stigmatizza il silenzio di tutti coloro che a parole si definiscono a favore del tribunale di Modica ma nei fatti continuano a tacere, nonostante il consumarsi dell’ennesimo spreco di risorse a danno della collettività. “Noi non ci fermeremo di fronte a simili contraddizioni causa di squilibri di ogni sorta a danno dei cittadini – dichiara il Marcello Medica –, continueremo a relazionarci con i nostri portavoce di riferimento ad ogni livello e a richiedere la visita del Ministro della Giustizia affinché si renda conto di presenza che tali perverse e localistiche scelte non fanno sicuramente il bene della comunità tutta e che ad oggi delle vie alternative sono ancora percorribili, come ad esempio quella di utilizzare i locali dell’ex Tribunale di Modica quale sede distaccata dell’attuale Tribunale di Ragusa”.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

9 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI