Riccardino l’ultimo libro sul Commissario Montalbano

Tempo di lettura: 3 minuti

Ad un anno esatto dalla scomparsa del grande Andrea Camilleri, la casa editrice Sellerio ha pubblicato l’ultimo romanzo del Commissario Montalbano: “Riccardino”. L’ultima indagine del commissario più amato d’Italia, e molto apprezzato anche all’estero. Un romanzo che a molti lettori e appassionati del commissario mette paura, visto che rischia di segnare la parola fine a una grande storia lunga più di un ventennio.
L’editore in apertura del romanzo in una nota ha voluto precisare: “Riccardino è l’ultimo romanzo con il commissario Montalbano, lo pubblichiamo a un anno esatto dalla morte di Andrea Camilleri. Desideriamo così onorare uno scrittore, una figura pubblica e una persona straordinaria […]. Una avventura che ha portato l’autore a un prodigioso successo e segnato il destino di questa casa editrice”.
Camilleri con tutti i suoi romanzi, non solo con il filone Montalbano, ha voluto mettere in risalto in modo straordinario la Sicilia e le ricchezze che questa terra offre, con un modo tutto suo, infatti sono diversi i romanzi che hanno come ambiente principale l’isola.
Dentro le pagine di Riccardino è possibile leggere la conclusione dell’epopea del Commissario Montalbano, anche se rimarrà un must intramontabile, grazie alla produzione cinematografica, che ha fatto seguito alle numerose pubblicazioni.
“Riccardino – afferma l’editore – costituisce quindi il congedo di quello che è con certezza il personaggio più popolare prodotto della letteratura italiana a cavallo tra questi millenni, divenuto anche un riferimento etico e civile per la Sicilia e l’intero paese”.
Riccardino è la soluzione trovata da Camilleri per mettere la parola fine alla sua creatura amata, anche se è certo che non voleva liberarsi di Montalbano. Il romanzo fu consegnato nel 2005 all’editore, ma a questo sono seguiti ben 18 romanzi, e così Andrea Camilleri è stato costretto nel 2016 a rivedere il romanzo sia sul piano stilistico che linguistico.
Riccardino non è un semplice testamento dell’autore, ma è il dialogo più bello e vero tra l’autore e il suo personaggio. All’interno di questo romanzo ci sono tante belle sorprese che meritano di essere lette, immaginate e ambientate nella location cinematografica, per renderle ancora più vive.
Leggendo il romanzo il lettore scopre un rapporto particolare tra autore e personaggio, un dialogo molto particolare, quasi che il personaggio non vuole più sapere nulla dell’autore, chissà segno che la storia di Montalbano continuerà in qualche modo.
Fin dalle prime pagine è possibile evincere questo bel rapporto, si legge infatti: “Chiossà di ‘na decina d’anni avanti aviva avuto la bella isata d’ingegno di contare a ’n autore locali ‘na storia che gli era capitata e quello di subito ci aviva arraccamato supra un romanzo. Siccome che in Italia a leggiri sunnu quattro gatti, la cosa non aviva avuto conseguenzia. E accussì gli aviva contato, non sapenno diri di no alla ‘nsistenza di quella gran camurria d’omo, ‘na secunna, ‘na terza e ‘na quarta ‘ndagini che l’autro aviva scrivuto a modo sò, usanno ‘na lingua ‘nvintata e travaglianno di fantasia.”
Consiglio: leggetelo perché fin dalle prime pagine capirete che il testo è qualcosa di eccezionale, non un semplice giallo perché ricco di elementi pirandelliani.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI