Modica. La Minoranza: “Streaming e differita riprese consiliari”

La massima pubblicità delle sedute consiliari, delle commissioni e di giunta è alla base di tutto
Tempo di lettura: 2 minuti

Ci riprova la Minoranza consiliare, dopo aver ottenuto, un anno e mezzo fa, la diretta televisiva delle sedute consiliari, adesso chiede la messa in onda anche in differita, in streaming e il successivo caricamento delle relative riprese su una piattaforma anche social.
Lo fa con un’altra mozione consiliare che vede come primo firmatario il Consigliere del M5S, Marcello Medica, e cofirmatari della stessa i Consiglieri, Filippo Agosta, Giovanni Spadaro, Ivana Castello, Salvatore Poidomani e Tato Cavallino.
La motivazione alla base di tale atto consiliare sta nel fatto, che, ad oggi, sono tantissimi i cittadini che non hanno ancora la possibilità di seguire le sedute consiliari, sia per la mancanza di messa in onda in streaming e in differita, sia per l’impossibilità di visionarle in qualsiasi momento successivo e in una qualsiasi piattaforma, pure social.
Da circa un anno e mezzo, infatti, le riprese televisive delle sedute consiliari, per opera dell’emittente televisiva Teleradio Regione S.r.l., anche se messe in onda in diretta in un canale televisivo meno noto (697 Video Regione Sicilia), hanno riscosso l’interesse di tanti cittadini che seguono con passione e curiosità l’attività del Consiglio Comunale, ma non consentono a tutti, appunto, di poter seguire i lavori consiliari. E ciò nonostante che tra gli obiettivi prioritari della Pubblica Amministrazione vi sia la partecipazione, la trasparenza e il miglioramento del rapporto tra Cittadini e Amministrazione Comunale, così come indicato anche agli articoli 12 e 13 dello Statuto Comunale di Modica e nonostante l’informazione dei cittadini, riguardo alle attività dei loro rappresentanti in Consiglio Comunale, rappresenti la base per favorire la loro partecipazione e alimentare l’interesse verso la ‘cosa pubblica’.
Nella mozione viene inoltre evidenziato che già numerose Amministrazioni locali hanno adottato la decisione di rendere pubblico il Consiglio Comunale, testimoniando che nulla osta al rispetto della privacy già garantita dalle normative vigenti e che dal punto di vista prettamente economico, tale prestazione è configurabile tra gli interventi meno costosi ma più qualificanti che un’Amministrazione Comunale possa porre in essere a servizio dei cittadini.
Pertanto, con la suddetta mozione, i Consiglieri di Minoranza, chiedono che l’Amministrazione Comunale s’impegni a stipulare la nuova convenzione, prevedendo la relativa somma occorrente, inserendo all’interno della stessa, oltre che la ripresa e la messa in onda delle sedute consiliari in diretta televisiva, anche la messa in onda in diretta streaming, in differita e comunque la loro disponibilità in una piattaforma, anche social, per consentire a chiunque ne abbia interesse, in qualsiasi momento, la loro visione, garantendo in tal modo la massima divulgazione delle attività consiliari.
I Consiglieri di Minoranza firmatari dell’atto ritengono che la massima pubblicità delle sedute consiliari, nonché delle Commissioni e della Giunta, siano alla base di tutto, insomma il modo per aprire il ‘Palazzo’ alla città e a tutti i cittadini, garantendo la loro attiva partecipazione attraverso la prioritaria, libera e completa informazione. Auspicano, pertanto, che la suddetta mozione, una volta arrivata in aula, abbia il consenso e l’approvazione di tutto il Consiglio Comunale, nonché il successivo volere dell’Amministrazione Comunale per metterla in atto totalmente.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI