Covid. Modica, D’Antona non condivide posizione del sindaco

“Abbate, in merito alla polemica sollevata sulle novità regionali concernenti l’individuazione degli ospedali da destinare a struttura per la cura da Covid 19,  ha scelto due argomenti, il campanilismo e i soldi, che, se ancora sostenuti, condurranno ad una ulteriore penalizzazione dell’Ospedale Maggiore e della sanità nel comprensorio modicano”. Lo sostiene Vito D’Antona di Sinistra Italiana entrando nella vicenda che ha visto contrapposti in questi giorni il sindaco di Modica e l’assessore regionale per la Salute, Ruggero Razza. D’Antona ritiene, peraltro,   “stravagante” la richiesta di Abbate di di accesso agli atti inoltrata all’Asp, rinunciando ad un ragionevole sereno confronto istituzionale paritario tra autorità sanitaria comunale e struttura sanitaria provinciale, non favorisce certamente la strada della comprensione e della condivisione di scelte delicate quanto importanti.

“In questi tre mesi tutto il personale dell’Ospedale Maggiore ha fornito un esempio di rassicurante efficienza e di abnegazione senza precedenti, affrontando una situazione che purtroppo in altre parti del Paese ha avuto conseguenze devastanti; inevitabilmente la funzionalità ordinaria e le tradizionali prestazioni a favore della popolazione del comprensorio hanno subìto una oggettiva battuta d’arresto.

Un rallentamento che i cittadini hanno compreso ed accettato con grande senso di responsabilità.

Ma ancora una volta, le fughe in avanti e solitarie di Abbate e il rifiuto del confronto stanno isolando la nostra città dal contesto politico provinciale, come testimoniato dalle reazioni dei Sindaci di Ragusa e di Pozzallo e del Direttore dell’Asp.

Ai cittadini interessa che qualsiasi scelta in materia di sanità pubblica che la politica deve adottare in questo delicatissimo momento è quello di potere coniugare, con il decisivo apporto degli operatori del settore, l’assistenza immediata e qualificata per fronteggiare una epidemia non del tutto scomparsa e che, secondo alcuni dati, si potrebbe ripresentare in modo aggressivo più avanti, prima della scoperta del vaccino, e la ricerca di livelli sempre più di eccellenza per le prestazioni ordinarie a favore del diritto alla salute dei cittadini dell’intera provincia, soprattutto verso quella parte di popolazione che non può permettersi il ricorso a strutture private, mediante i necessari investimenti pubblici e il potenziamento delle strutture2.

Appare pertanto urgente, per Sinistra Italiana di Modica, che venga convocata la Conferenza dei Sindaci del Libero Consorzio della provincia di Ragusa per ascoltare, assieme ai vertici Asp, le esigenze del territorio e decidere le scelte necessarie e condivise da sottoporre all’attenzione del Governo regionale.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI