L’emergenza sanitaria a Ragusa analizzata dal M5S

“Siamo stati, purtroppo, facili profeti. Quando abbiamo detto, alla fine della scorsa settimana, che non si poteva cantare vittoria e che l’emergenza sanitaria è ancora in corso, ci riferivamo senz’altro al fatto che i tamponi processati sono in numero inferiore rispetto alle esigenze del territorio. Proprio ieri, l’Asp di Ragusa ha comunicato che nel fine settimana sono arrivati gli esiti di 410 tamponi e che cinque sono quelli risultati positivi. Si attende, adesso, l’esito di tutti gli altri in attesa di responso. Ma l’equazione è abbastanza semplice: pochi tamponi, pochi casi; molti tamponi, casi in aumento”.

E’ quanto afferma il consigliere comunale del Movimento Cinque Stelle Ragusa, Giovanni Gurrieri, il quale evidenzia la necessità di accelerare le procedure perché si possa avere un quadro della situazione quanto più attendibile per l’area iblea. “Che continua a rimanere, nonostante tutto – prosegue il consigliere pentastellato – tra le più virtuose del nostro Paese, di certo la più virtuosa dell’intera Sicilia. E speriamo di proseguire così, rispettando sempre le regole anche se, adesso, occorrerà un’attenzione supplementare in vista della cosiddetta fase due dove l’utilizzo delle mascherine e più in genere dei dispositivi di protezione individuale, per non parlare dell’aspetto distanziometrico, dovranno diventare i punti di riferimento per ciascuno di noi. E però non è possibile che, a distanza di quattordici giorni, i cittadini ragusani che attendono l’esito del tampone siano ancora nel più totale abbandono e che, dalle testimonianze in nostro possesso, si trovino in una situazione di assoluta difficoltà psicologica. Nei loro confronti, nemmeno la minima attenzione, nessuno che si sogni di chiedere se abbiano bisogno d’aiuto, né dall’Asp e nemmeno da parte del Comune”.

“Mi tocca, inoltre, fare due osservazioni di carattere politico-sanitario – prosegue ancora Gurrieri – la prima riguarda il sindaco di Ragusa a cui avevamo sollecitato degli interventi proprio con riferimento alla necessità di aggiornare l’intera collettività sulla situazione dei tamponi e, comunque, sulla mappa dei contagi esistenti nella nostra città. Naturalmente, si deve trattare di un resoconto generale, senza scendere affatto nei particolari, evitando quelle censurabili gogne mediatiche a cui è stato, ahinoi, sottoposto un macellaio di Ragusa che, proprio in queste ultime ore, si è trovato costretto a rivelare pubblicamente la propria identità per evidenziare che lui e la sua famiglia sono risultati negativi al fine di mettere a tacere tutti i pettegolezzi che lo hanno riguardato. L’altro aspetto, poi, ha a che vedere con un vero e proprio invito rivolto alla deputazione regionale. Sarebbe auspicabile una presenza più importante ed efficace su questi temi. Dovrebbe essere un loro preciso dovere cercare di fornire indicazioni rassicuranti alla collettività di cui costituiscono una diretta espressione politica. Chiediamo, ad esempio, all’on. Dipasquale, e sia detto senza vena polemica, di orientare i riflettori della sua attenzione anche verso l’Asp di Ragusa così come sta facendo con quella di Siracusa”.

guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
  • Condividi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
Riproduci video
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI