Acate, condannato per lesioni nei confronti della convivente

Il giudice unico del Tribunale di Ragusa ha condannato B.G., 52 anni, di origini romene, è stato arrestato dai Carabinieri ad Acate lo scorso mese di ottobre per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate. In particolare, dopo una chiamata all’utenza di Pronto Intervento “112 NUE”, i militari dell’Arma erano giunti a casa dell’uomo e avevano trovato la convivente di 43 anni con il volto tumefatto e in lacrime.

A seguito dei successivi accertamenti, la vittima in sede di denuncia aveva riferito di avere subito reiterati maltrattamenti dal proprio compagno durante l’anno in corso. I Carabinieri avevano applicato il nuovo “Codice Rosso” con l’arresto in flagranza dell’uomo(era stato poi rimesso in libertà con il divieto di avvicinamento alla dona. Il magistrato giudicante, Elio Manenti, gli ha inflitto un anno e sei mesi di reclusione per il reato di lesioni e lo ha assolto dall’accusa di maltrattamenti. Era difeso dall’avvocato Gianluca Nobile.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI