Modica, morte dell’avvocato Scarso. Aperta inchiesta a Catania

1
1158

La Procura della Repubblica di Catania ha aperto un fascicolo sulla morte dell’avvocato penalista Carmelo Scarso, ex presidente del consiglio comunale di Modica, dopo la lettera-denuncia della figlia Alessia, la regista del film “Italo”, nella quale denunciava i ritardi della sanità pubblica siciliana. Le ipotesi di reato sono rifiuto di atti d’ufficio e omicidio colposo in ambito sanitario.

«Con la mia famiglia rimaniamo a disposizione della magistratura – dice Alessia Scarso in un post su Fb – come lo siamo stati della politica, per fare luce su una vicenda che ha rivelato criticità importanti. Ringrazio il Codacons per essersi rivolto a un referente giudiziario, dato che le parti politiche tendono a dimenticare, giustificare o cavalcare le notizie.

Esistono tantissimi casi di persone vittime di questo momento di crisi della sanità pubblica, persone che però non scrivono
lettere a nessuno per raccontare ciò che gli succede. Che il lavoro della magistratura possa focalizzare i nodi ed eventuali responsabilità, così che si attivi un circuito di soluzioni per il bene di tutti».

1 commento

  1. E’ LODEVOLE DA PARTE SUA COMBATTERE QUESTA BATTAGLIA. E’ UNA CROCIATA IMPORTANTE PER UN’ASSUNZIONE DI RESPONSABILITA’ DA PARTE DI TUTTI GLI OPERATORI DELLA SANITA’.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

17 − 13 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.