Incidente mortale a Ispica. Arrestato il conducente della Fiat

1
2642

I Carabinieri della Stazione di Ispica, al termine degli accertamenti conseguenti all’incidente stradale mortale verificatosi nella notte tra sabato e domenica sulla Strada Statale 115, hanno tratto in arresto il giovane (R.A. di 22 anni, rosolinese) alla guida del veicolo che ha impattato con l’altra auto, una Toyota Yaris, provocando la morte di tre persone, Cristian Minardo, 22 anni, Aurora Serrentino, 17, e la zia di quest’ultima, Rita Barone di 54 anni, tutti di Rosolini). I primi accertamenti sulla dinamica nonché le attività di analisi sul tasso alcoolemico del ragazzo hanno acclarato la sua responsabilità nell’essersi posto alla guida del veicolo con un tasso alcoolemico di gran lunga superiore a quello previsto dalla legge. Il giovane, al termine degli accertamenti, è stato sottoposto agli arresti domiciliari a disposizione dell’ autorità giudiziaria iblea, al momento nel nosocomio catanese dove si trova ricoverato a seguito dei traumi riportati. Il lavoro di ricostruzione degli investigatori dell’Arma è stato particolarmente complesso sia per il contesto molto tragico dell’evento quanto per la minuziosa ricerca di elementi oggettivi e telecamere di sorveglianza che potessero acclarare le responsabilità e l’esatta dinamica.

La redazione di Radio R.T.M. non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Radio R.T.M. comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

1 commento

  1. E’ ora di smetterla con questi incidenti causati da tassi alcoolici superiori alla norma o perchè ci sono persone strafatte! E’ ora di smetterla! Oltre all’omicidio stradale è bene che a costui gli si ritiri la patente a vita. Sono morte tre persone, non scherziamo!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

16 + 5 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.