“Arriveranno 800 milioni di euro in Sicilia per la Sanità, ma prima deve essere approvata la Rete Regionale”

1
1132

“Per effetto di una delibera Cipe, la Regione Sicilia potrà usufruire di circa 800 milioni di euro suddivisi in differenti tranche. La prima tra queste, 200 milioni di euro, sarà disponibile con l’approvazione della rete ospedaliera isolana”. Ad annunciarlo il senatore Pino Pisani, componente M5s della XII commissione Sanità a palazzo Madama, relatore, tra l’altro, del ddl che prevede la creazione della rete nazionale dei registri tumori e dei sistemi di sorveglianza dei sistemi sanitari regionali. Il senatore Pisani ha partecipato, questa mattina, all’incontro, tenutosi alla sala Avis di Ragusa, promosso dal gruppo consiliare M5s e da Sergio Firrincieli in particolare. “Abbiamo voluto un confronto su questi temi – ha spiegato quest’ultimo – che riguardano da vicino tutti i cittadini. Quando si parla di Sanità è normale che sia così. E, diciamo, che le risposte arrivate sono state molto interessanti proprio perché hanno a che vedere con le esigenze di tutti noi. E’ il primo, inoltre, di una serie di appuntamenti che stiamo organizzando su questioni di ampio respiro”.
All’incontro di oggi c’erano i deputati regionali M5s Giorgio Pasqua, componente della commissione Sanità, e Stefania Campo, Teresa Fattori, presidente Lilt Ragusa, Rosario Tumino, dirigente medico Anatomia patologica e direttore responsabile registro tumori dell’Asp di Ragusa, Antonio Campo, coordinatore sanitario regionale della Samot Ragusa onlus. Tutti hanno illustrato le peculiarità dei relativi ambiti d’intervento. Erano presenti anche il questore Salvatore La Rosa, che ha portato un saluto, e i vertici locali dell’Arma dei Carabinieri. L’assessore alla Sanità, Luigi Rabito, ha portato il saluto dell’amministrazione comunale.
“L’auspicio – ha continuato il senatore Pisani – è che la rete ospedaliera regionale possa essere approvata nel più breve tempo possibile così da fruire di questi fondi da investire nell’edilizia ospedaliera. La rete, però, è ancora al vaglio delle strutture ministeriali che hanno previsto delle prescrizioni”. La manovra approvata a dicembre ha messo la sanità pubblica, secondo il sen. Pisani, nelle condizioni di recuperare parte del terreno perduto con le cattive gestioni dei governi precedenti. “Si vogliono ridurre i tempi d’attesa per ottenere prestazioni sanitarie – ha aggiunto – si incrementano di 4 miliardi i fondi destinati all’edilizia sanitaria e all’ammodernamento tecnologico dei nostri ospedali; 328 milioni sono stati impegnati nella formazione specialistica”. E poi ha chiarito: “Continuano a risultare vacanti i concorsi per gli anestesisti, i medici della Medicina di urgenza, per i radiologi. La nostra preoccupazione in commissione Sanità è stata quella di adottare provvedimenti per colmare queste lacune determinate da chi, negli scorsi anni, ha avuto una visione ottusa e non è riuscito a pianificare nella maniera più attenta. Con questi emendamenti, sarà possibile reclutare diverse centinaia di medici e affrontare l’emergenza che si è venuta a creare. Abbiamo, altresì, previsto oltre 40 milioni di euro per ampliare le borse di studio a vantaggio degli specialisti e contiamo di giungere a una maggiore intesa tra Università, che si occupa per eccellenza di formazione, e Sistema sanitario nazionale in modo da far sì che anche le strutture extrauniversitarie possano essere delegate a portare avanti percorsi formativi di un certo livello”.
L’on. Pasqua è stato, invece, molto critico nei confronti del Governo regionale retto da Musumeci che “non ha fatto nulla per modificare lo stato delle cose. Anzi, tutto rischia di peggiorare. Anche qui a Ragusa – ha aggiunto l’on. Pasqua – molti reparti da unità operative dipartimentali rischiano di essere declassate a semplici in maniera immotivata. E tutto ciò comporta il dovere rinunciare a medici oltre che a determinati servizi. Il piano ospedaliero siciliano, in sostanza, non ha portato alcuna novità. Nell’area iblea, ad esempio, ci sono tre Dea di primo livello ma non c’è un Dea di secondo livello, l’ospedale più evoluto, quello che può contare al proprio interno anche sulla neurochirurgia. E diciamo che questa è una carenza molto pesante”. L’on. Campo, dal canto suo, ha invece messo in rilievo che “dopo una situazione complessa, l’attuale manager dell’Asp di Ragusa, Angelo Aliquò, sta cercando finalmente di riportare la situazione nella norma. Abbiamo dovuto fare i conti – ha detto – con l’esternalizzazione di servizi come quello di manutenzione il che ha voluto significare affidamenti in somma urgenza e quindi costi superiori oltre a non avere strutture adeguate a livello di decoro. Segnalo, altresì, la carenza di laureati in Pediatria in provincia di Ragusa, circostanza che ha determinato una carenza di personale nei relativi reparti ospedalieri del nostro territorio. Per non parlare dei sopralluoghi che abbiamo condotto in vari ospedali della provincia dove abbiamo trovato situazioni incresciosi come nel caso del Regina Margherita di Comiso dove abbiamo riscontrato fratturazioni alle pareti, crepe, porte antipanico bloccate e altro ancora. Serve una svolta”.

(nella foto di gruppo in piedi, da sinistra in piedi: Sergio Firrincieli, Zaara Federico, sen. Pino Pisani, Rosario Tumino, Teresa Fattori, Antonio Campo, on. Stefania Campo, Alessandro Antoci, on. Giorgio Pasqua)

La redazione di Radio R.T.M. non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Radio R.T.M. comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

1 commento

  1. Informate la signora campo che non esiste nessuna laurea in pediatria, trattasi di specializzazione!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

20 + diciotto =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.