Nasce il movimento politico CittàItalia. Ci sono i sindaci di Chiaramonte, Pozzallo e Scicli

0
503

Il movimento politico CittàItalia che a fine novembre, in una partecipata assemblea presso l’auditorium della Camera di Commercio di Ragusa, ha presentato il proprio manifesto politico, caratterizzandosi come un movimento che vuole concorrere al miglioramento della democrazia in Italia partendo dalle città, sta ora completando i percorsi di strutturazione ed organizzazione interna e la definizione dei prossimi impegni politici.
I delegati provinciali di CittàItalia, in rappresentanza della maggior parte dei comuni della provincia, si sono incontrati a Scicli ed hanno definito una struttura organizzativa provvisoria, formata dai fondatori del movimento, tra cui i sindaci di Chiaramonte Gulfi, on. Gurrieri, dal sindaco di Pozzallo, Ammatuna e dal sindaco di Scicli, Giannone.
L’assemblea ha nominato un coordinamento esecutivo, composto da Salvatore Cicero, Emanuele Scala, Luciano D’Amico, Alessia Puglisi e l’on. Pippo Di Giacomo; ed ha inoltre indicato Giorgio Massari come coordinatore provinciale del movimento. Compito prioritario del coordinamento provvisorio sarà quello di definire lo statuto del movimento per la strutturazione democratica dei vari livelli organizzativi.
L’assemblea ha anche delineato i percorsi politici per permettere al movimento di offrire la propria proposta politica oltre il nostro territorio provinciale ed ha esaminato temi rilevanti per la società e l’economia ragusana. Entro Gennaio, il movimento organizzerà a Pozzallo un riflessione pubblica sulle conseguenze sociali per le nostre città del così detto decreto Sicurezza di Salvini e in questi giorni chiederà a nome dei sindaci di Pozzallo, Chiaramonte e Scicli, un incontro al prefetto, per una lettura oggettiva delle criticità del suddetto decreto.

La redazione di Radio R.T.M. non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Radio R.T.M. comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

uno × 1 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.