Provvedimento contro il D.S. del “Maggiore” di Modica….eppure l’Asp aveva emesso comunicato stampa sull’apertura del Pronto Soccorso

23
2987

Modica si schiera col direttore sanitario dell’Ospedale Maggiore, Piero Bonomo, dirigente ritenuto quasi unanimemente “vicino ai problemi della gente”, e quindi contro il provvedimento disciplinare nei suoi confronti per 60 giorni per via dell’apertura, senza “cerimonia ufficiale” del nuovo pronto soccorso(cioè senza spumante, senza politici regionali in ghingheri, senza il commissario Ficarra e, soprattutto, senza che le telecamere o i fotografi potessero dare risalto a questo ultimi). Ora, al di là del fatto che Bonomo avrebbe semmai accelerato l’apertura del Pronto Soccorso perchè già ultimato senza attendere l’ulteriore fase burocratico-politica, appare sinceramente strano il provvedimento a suo carico giacchè la stessa Azienda, dopo l’apertura della nuova struttura, ha emesso un comunicato ufficiale, il numero 70, con tanto di dichiarazioni di Salvatore Lucio Ficarra che, sostanzialmente, dice: “Stiamo consegnando alla città e ai cittadini modicani il nuovo Pronto Soccorso, un atto dovuto verso tutta la collettività e per questo non è stata prevista alcuna cerimonia di inaugurazione, anche in considerazione del periodo pre-elettorale che potrebbe prestarsi a strumentalizzazioni politiche””.
Sapete a quando risale il comunicato stampa 70? AL 21 aprile 2018, vale a dire il giorno stesso dell’apertura.
Crediamo che la questione abbia visioni: !) Ficarra è stato costretto dall’assessore alla Sanità perchè questi pressato da qualche politico regionale ibleo che avrebbe perso l’occasione per salire sul “carro dei vincitori”; 2) il comunicato stampa n. 70 è un falso(ma conoscendo la collega che svolge questo lavoro abbiamo seri dubbi); £) Ficarra è a corto di memoria e si sia dimenticato, quando ha firmato il provvedimento disciplinare, di essere a conoscenza dell’apertura del Pronto Soccorso e di averne “dato notizia con grande soddisfazione”. Se l’ipotesi fosse la prima, riteniamo che il commissario non abbia avuto il coraggio di opporsi alla richiesta del provvedimento e nel caso di reiterata insistenza da chi è più in alto di lui avrebbe dovuto avere il coraggio di dimettersi.
Se così fosse, può ancora riscattarsi all’occhio della collettività che già lo ha in antipatia, magari mandando aff…..lo che gli ha fatto commettere questo errore visto che lui sapeva e, dunque, è eventualmente un errore in concorso(la punizione toccherebbe anche a lui).

“La notizia del trasferimento (temporaneo) del direttore sanitario dell’Ospedale Maggiore di Modica – interviene Salvatore Rando, del Comitato Via Loreto -ha lasciato tutti di sorpresa. La speranza è che sia tutto un grande equivoco perché altrimenti non sapremmo più cosa pensare. Forse bisognava seguire lo stesso iter del nuovo Ospedale di Ragusa? Non aprirlo mai dopo l’inaugurazione? O come il parcheggio chiuso da anni? Dopo decenni di attesa finalmente si è aperta una struttura degna di questo nome, frutto della collaborazione a più livelli che ha visto coinvolta in primo piano anche l’Amministrazione Comunale. Pensare che il Direttore Bonomo sia stato “punito” perché non ha contribuito a quella corsa al taglio del nastro con relativa passerella politica è pura follia. Paga una persona, uno stimato professionista che come colpa ha avuto solo quella di fare in pieno il proprio dovere, restituendo la struttura al comprensorio nel minor tempo possibile. Siamo alle comiche. Invece di perdere tempo in questa assurda caccia alle streghe, perché non concentrarsi sull’assunzione di nuovo personale (medico e paramedico)cosa che al Maggiore serve ben più urgentemente che un inutile taglio di nastro? Spero che a prevalere alla fine sia il buon senso e che il Commissario Ficarra si ravveda così da non passare come quello che ha punito chi si è preoccupato esclusivamente degli interessi dei pazienti, che dovrebbe poi essere la normalità non un avvenimento eccezionale”.

La redazione di Radio R.T.M. non è responsabile di quanto espresso nei commenti. Il lettore che decide di commentare una notizia si assume la totale responsabilità di quanto scritto. In caso di controversie Radio R.T.M. comunicherà all'autorità giudiziaria che ne facesse richiesta, tutti i parametri di rete degli autori dei commenti.

23 Commenti

  1. L’unico errore del direttore e che la doveva aprire senza nessuna cerimonia che invece c’e stata con la presenza del sindaco e secondo me tutto questo non succedeva

  2. Da comune cittadino sono senza parole. I politici, che dovrebbe fare l’interesse del popolo, non fa altro che fare solo il loro di interesse. Tutto nella sanità è gestito dalla politica. Se non fosse così tutto andrebbe avanti al meglio e ci sarebbero meno problemi per tutti. Invece di giocare a chi è il più forte, guardate e parlate con la gente. Caro sig Ficarra rifletta.

  3. Con la pubblicazione da parte della direzione,di questo comunicato ufficiale dell’asp,ritengo che non ci sono piu’ dubbi di questo contro il dott. Bonomo, da parte della direzione generale,nella persona del dott.Ficarra.Veda dott. Ficarra,sbagliare è umano,perseverare è diabolico,quindi,anche se Lei ha sbagliato,cio’ non significa niente,ma rimediare allo sbaglio,è un gesto di grande capacita’, professionalita’,e correttezza da parte di Ella.Capacita’,perche’ dimostra che lei riesce a fare il suo lavoro veramente bene,professionalita’,perche’ malgrado qualche consiglio miope di qualche politico,Lei mette in primo piano il bene dell’azienda che dirige,correttezza,perche’dimostra a livello personale,la stima verso un ottimo dirigente,e soprattutto verso un galantuomo,cosa che tutta la citta’ gli sta dimostrando.Mi creda,io la capisco perfettamente,che in questo momento si trova tra l’incudine ed il martello,so perfettamente come avvengono le nomine dei direttori generali,le quali saranno a breve termine,e cio’ non le permette di mettersi contro i politici,ma certamente non le manchera’ il modo di rimediare e moderare a questo malinteso increscioso,senza esserci ne’ vinti,ne’ vincitori,ma far prevalere solo il buon senso.Non c’è stata nessuna inaugurazione,nessun taglio di nastro,nessuna bottiglia stappata,ma solamente l’inizio del funzionamento del nuovo pronto soccorso,con la visita del Sindaco,che tutto sommato è il capo della sanita’ locale,e non credo,che se qualche carica istituzionale fosse andata a far visita,il dott. Bonomo non l’avrebbe ricevuto con le dovute maniere.L’ospedale non è di quel sindaco,o di quel deputato,o di quel politico,l’ospedale è un bene di tutti i cittadini,che malgrado la volonta’ di nessuno,tutti,ne possiamo essere ospiti.

  4. A me pare che la cerimonia c’è stata ed è stata utile a qualcuno in piena campagna elettorale… Mi auguro che a causa di questa diatriba non venga ritardato il necessario e improcrastinabile potenziamento del personale, Altrimenti non abbiamo di che farcene delle inaugurazioni ….

  5. Dott. Bonomo, La capisco e come. Stessa sorte e toccata al sottoscritto in qualità di dipendente comunale. purtroppo non mi espongo per paura di ricevere altre ripercussioni. Per questo non mi ritengo un codardo ma solo uno che vuole stare in pace e che lavora onestamente applicando la legge. Questo per me è stato un dramma. Cioè lavorare con onestà. Problematica che non è stata condivisa dal Sindaco Abbate che non ha accettato che un dipendete gli possa aver negato una sua richiesta e non si sia messo a disposizione a operare controlegge come ha abituato i suoi P.O e dipendenti che gli girano attorno. Per questo sono stato trasferito, rimosso dai compiti per cui sono stato assunto e messo in disparte. Non divulgandomi oltre ……per tanti motivi, mi dispiace tantissimo per quello che LEI (persona onesta e seria) sta subendo complimentandomi con il suo operato.

  6. A volte le “comparse” si pagano e “ruppa ruppa, mischinu cu nun ci cuppa”! Rando non fare lo gnorri! Quì si parla delle “comparsate” ro ta sinnucu e non se il pronto soccorso doveva o non doveva aprire. Certo che doveva aprire ma u ta sinnucu chi ci misi? Comparse, solo ed esclusivamente vergognose comparse.

  7. Sig.Rando la prego… credo che il Dott. Bonomo non abbia bisogno di essere difeso da lei… Tutti a Modica e soprattutto chi lavora in ospedale conosce l’onestà del Dott. Bonomo… Quindi non rilasci inutili commenti dettati da pura “lecchinaggine politica” la quale potrebbe fare solo del danno ad una persona che fa il suo lavoro onestamente ( pur facendo degli errori) e si dedichi come tutti i pensionati al giardinaggio.Grazie a nome di tutti i Modicani

  8. In questa non ci vedo ne Santi ne Eroi, nessuno escluso, ma solo tanti opportunisti… come in tutte le pubbliche amministrazioni alla Siciliana, ognuno recita la propria parte, ma solo per proprio tornaconto e con i nostri soldi….

  9. Il comunicato dell ASP è di una chiarezza estrema , il ps andava aperto e la cerimonia di apertura , per ovvi motivi di natura elettorale , andava fatto in seguito . Molto corretto . Ma qualcuno a Modica avia prescia e si ni futtiu di questa indicazione . Personalmente mi dispiace per il dott Bonomo . Sig Rando , consigliere personale del sindaco per questioni sanitarie , quindi di parte , se ne faccia una ragione !

  10. “Stiamo consegnando alla città e ai cittadini modicani il nuovo Pronto Soccorso, un atto dovuto verso tutta la collettività e per questo non è stata prevista alcuna cerimonia di inaugurazione, anche in considerazione del periodo pre-elettorale che potrebbe prestarsi a strumentalizzazioni politiche””.
    Piena solidiarietà al dottore Bonomo unanimamente ritenuto persona valida e capace…con il vizietto, però, di cedere al fascino del potere. Stavolta il suo dante causa politico gliela ha combinata grossa ed il caro dottore Bonomo scuppau ruru. Mi dispiace ma queste sono le logiche della politica nella sanità e di chi spada ferisce di spada perisce. Il dottore Bonomo rientrerà meritatamente nel suo ruolo di direttore sanitario e sono sicuro che la lezione gli sarà utile per concentrarsi solo nel suo lavoro che è quello di occuparsi dei malati (cosa che sa fare benissimo) e non quello di agire da passerella (volontaria) a qualche politicuccio.

  11. Inutili commenti di un signore che ha la figlia che lavora in direzione sanitaria a Modica….

  12. Come si spiega che all’apertura ufficiale del Pronto Soccorso non ci fosse il Primario Dr Ammatuna e neanche il Commissario Dr Ficarra?
    Quale Primario o quale Direttore Generale sarebbero assenti all’apertura di un proprio nuovo reparto?
    Il Pronto Soccorso era pronto per essere aperto?
    E’ tutto perfettamente in regola? O forse i NAS la Guardia di finanza e la Procura di Ragusa farebbero meglio a verificare visto che parliamo della sicurezza dei pazienti?
    E’ veramente il Dr Bonomo la vittima?
    L’ospedale è stato usato per fare passerella elettorale?
    Chi lavora all’ospedale di Modica conosce le risposte. La verità non sembra quella riportata dai giornali.
    Sembra che qualcuno abbia deciso di fare di testa sua e giocare d’anticipo e ha inaugurato il Pronto Soccorso senza neanche avvisare i diretti interessati. Un formidabile palcoscenico per l’amico Sindaco di Modica che si sta ricandidando e che si è intestato tutti i meriti dei lavori e degli sforzi fatti dagli uffici dell’ASP di Ragusa. Abbate è arrivato e ha messo la ciliegina sulla torta che altri stavano faticosamente preparando da anni.
    E’ evidente che se non fosse stata una passerella elettorale organizzata, con annesso comizio, non ci sarebbe stato il Sindaco gli Assessori e tutti i tifosi presenti.
    Se ci fosse stata buonafede il Primario del Pronto Soccorso sarebbe stato presente all’apertura del suo reparto insieme al Commissario. C’era buonafede ?
    Se il Sindaco si fosse presentato all’improvviso, un Direttore Sanitario corretto non avrebbe chiamato subito il suo diretto superiore per avvertirlo ? Considerato che si trattava di un fatto troppo facilmente strumentalizzabile ?
    L’Assessore alla Sanità e il Commissario erano stati chiari: niente inaugurazioni prima delle elezioni per evitare strumentalizzazioni politiche.
    Prima di aprire nuovi reparti bisogna essere sicuri che tutto sia perfettamente in regola e funzionante.
    Siamo sicuri che se dovesse saltare fuori qualche problema il Dr Bonomo sarebbe il primo a trovare i responsabili e a puntare l’indice contro la direzione dell’ASP di Ragusa come ha già fatto per la mancanza di medici e di infermieri mentre faceva il suo bel discorsetto per inaugurare il suo Pronto Soccorso. Anzi, mi correggo usando le sue stesse parole, non per inaugurarlo ma “per consegnarlo alla cittadinanza”. Che ipocrisia, ma pensano veramente che siamo tutti così stupidi da credere alle favolette raccontate sui giornali amici ?.
    Del resto il Dr Bonomo è bravissimo a individuare le responsabilità degli altri quando ci sono problemi. Ricordiamo ancora la sua performance in televisione per giustificare la presenza dei topi nelle cucine del “suo” ospedale o l’episodio dei rifiuti sparsi nei corridoi dei sotterranei del “suo” ospedale o l’incendio in una stanza del “suo” ospedale o alcuni locali dell’ospedale di Modica infestati dai colombi. La colpa è sempre degli altri che vogliono sabotarlo. Ma se ha tutti questi nemici che gli tendono tranelli, sabotaggi e imboscate non farebbe bene a starsene lontano dall’ospedale di Modica? Adesso ha l’occasione per farlo.

  13. Leggendo. Il commento di Giorgio capisco perché il sig Rando cerca disperatamente di difendere l indifendibile .

  14. Quale utente il giorno successivo all’apertura, al Pronto Soccorso tra le altre cose, non avevano nè la stampante nè i fogli per stampare le analisi.
    Capisco che in un nuovo reparto dopo un verosimile trasloco non si trova nulla, ma l’impressione che ho avuto e che gli operatori erano con l’acqua alla gola.
    In ogni caso il personale tra mille difficoltà, è stato encomiabile

  15. Eppure l’individuo ha il coraggio di scrivere un comunicato dove, come suo solito, nega l’evidenza, ossia che è stata la solita “Comparsata”!!! Vergogna!!!

  16. Secondo me il Commissario ha fatto benissimo ha punire chi ha trasformato in campagna elettorale l’inaugurazione del pronto soccorso. Ci lamentiamo sempre dell’ingerenza della politica… poi quando il Commissario Ficarra prova ad occuparsi seriamente del buon funzionamento dei servizi invece di fare campagna elettorale tutti ad attaccarlo. Il dr Bonomo non è una vittima è l’emblema della gestione a fini politici della sanità.
    Il sindaco invece di proteggere I suoi amici si dovrebbe preoccupare che le cose funzionino.
    Un’ ultima cosa, non è che tutti questi attacchi al Commissario nascono perchè sta eliminando una serie di privilegi ad operatori imboscati, fannulloni, sindacalisti ecc.ecc.????

  17. L’organo politico (il sindaco in questo caso) perché non si preoccupa di organizzare l’attività comunale anziché concentrarsi su questioni non di propria competenza?????
    Che c’entra il sindaco con i tagli dei “nastri” in sanità?????

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome