Pozzallo. Furti con spaccata, riunione dell’Ascom alla presenza del presidente provinciale Manenti e del sindaco Ammatuna

2
721

I locali della sezione cittadina dell’Ascom di Pozzallo hanno ospitato ieri sera il vertice di categoria voluto da Confcommercio provinciale Ragusa dopo il pesante episodio del furto con spaccata ai danni di una gioielleria di corso Vittorio Veneto nella notte tra lunedì e martedì scorsi, ennesimo fatto delittuoso con modalità analoghe verificatosi in città. La riunione, che ha visto la presenza dei componenti del direttivo dell’associazione di categoria, si è tenuta alla presenza del sindaco, Roberto Ammatuna, con il presidente provinciale Confcommercio Ragusa, Gianluca Manenti, il presidente provinciale Federpreziosi Ragusa, Enzo Buscemi. A fare gli onori di casa il presidente sezionale Giuseppe Cassisi. E’ stato concordato di mettere in campo tutta una serie di interventi operativi che, portati avanti nel corso di questi ultimi giorni, in maniera congiunta all’amministrazione comunale, serviranno per sensibilizzare le istituzioni preposte a dare delle risposte incisive sul territorio. Non è da escludere che possano tenersi manifestazioni di massa per le vie di Pozzallo proprio allo scopo di sensibilizzare chi di dovere a fornire dei riscontri efficaci. Inoltre, i commercianti del direttivo Ascom si dicono convinti che è necessario adoperarsi per finanziare l’intervento di una ronda privata che possa svolgere il proprio servizio in città durante le ore notturne. Chiesta, in ogni caso, una maggiore presenza da parte delle forze dell’ordine. Un aspetto che, come è emerso nel corso della riunione di ieri sera, per il momento sembra mancare. “Solleciteremo risposte concrete, se necessario – sottolinea il presidente provinciale Manenti – anche al ministero. Chiediamo di essere sostenuti e appoggiati con fatti concreti. Quanto accaduto è di una gravità inaudita per il futuro dei nostri commercianti che, naturalmente, hanno tutti timore di essere le prossime vittime dei furti con spaccata. Ringraziamo il sindaco Ammatuna che ha voluto interagire con la nostra associazione per cercare di trovare una linea comune”. Federpreziosi è stata presente all’incontro per manifestare solidarietà al gioielliere. Il direttivo condividerà con gli associati le proposte emerse nel corso della riunione di ieri sera.

2 Commenti

  1. La colpa è del PD che ha distrutto il mondo del lavoro, eliminato l’efficacia Delle forze dell’ordine, ingozzato la Sicilia di orde di popoli pieni di irrisolvibili problemi senza risolvere per primi i problemi che già avevamo.
    Questo cocktail si chiama Bum Bum dove al posto della tequila c’è la Sicilia.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome

cinque × quattro =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.