Cerca
Close this search box.

Ragusa. Alta adesione allo sciopero nazionale dei dipendenti ENEL

Incerto il futuro strategico dell’Ente. Nota al Prefetto. Il no del sindacato
Tempo di lettura: 2 minuti

I lavoratori di Enel non hanno scioperato e manifestato anche a Ragusa, con concentramento in Piazza Matteotti, per rivendicare aumenti salariali: sono fortemente preoccupati per la direzione che sta prendendo l’Azienda.
Oltre il 90% dei lavoratori iblei ha scelto l’unità e la solidarietà, aderendo allo sciopero e partecipando in massa ai sit-in organizzati non solo a Ragusa, ma in ogni angolo d’Italia.
Dopo la manifestazione al Prefetto di Ragusa, Ranieri, è stato consegnato da una delegazione di lavoratori e sindacalisti un documento a firma delle segreterie territoriali di Filctem CGIL, Flaei CISL, Uiltec UIL.
Nella nota si evidenzia come l’Enel non ha il coraggio di compiere le scelte necessarie allo sviluppo energetico del Paese. Hanno presentato un piano industriale che non crea valore, nessuna idea su come affrontare il superamento del fossile e la messa a terra delle nuove tecnologie green. Solo operazioni di tagli al personale e terziarizzazioni delle attività di distribuzione, nel conseguente peggioramento della gestione per il servizio elettrico offerto all’utenza territoriale, nazionale. Questi sono i motivi dello sciopero nazionale e a Ragusa. L’Enel a Ragusa occupa più di 130 dipendenti nel diretto e distribuisce energia elettrica a un territorio popolato da 330.000 persone. Nessun investimento è previsto nel programma di sviluppo distribuzione elettrica per la nostra provincia, in cui ricadono, ci preme evidenziarlo, non solo impieghi di consumo per le famiglie, ma anche utilizzo di corrente a supporto di insediamenti industriali e commerciali di riconosciuto valore economico. Dal tessuto delle piccole e medie imprese alle grandi aziende di ogni ambito merceologico: tutte oggi vivono le difficoltà di un servizio elettrico che non garantisce la continuità della distribuzione nel nostro territorio, subendo anche micro interruzioni giornaliere che mettono a rischio produzioni e affidabilità d’impresa. Quello che ci viene proposto da Enel è solo una mera razionalizzazione degli investimenti, disagi per i lavoratori e tagli alla nuova occupazione. L’azienda vuole esternalizzare attività elettriche, il cuore della distribuzione, affidandole alle imprese appaltatrici con possibili rischi di ricadute sulla sicurezza del lavoro ed un aumento degli incidenti da elettrocuzione. Enel vuole, inoltre, modificare l’orario di lavoro, applicando un semi turno a parità di organico, per le realtà operative impegnate anche in reperibilità. Inoltre, riduzione drastica dello smart working e peggioramento dei tempi di vita di migliaia di lavoratrici e lavoratori.
“La nostra è stata una voce potente e unanime, commentano Filippo Scollo della FILCTEM-CGIL, Emanuele Guastella della FLAEI-CISL e Giuseppe Scarpata della UILTEC-UIL, contro l’arroganza e le decisioni dannose prese dalla dirigenza, dimostrando che insieme possiamo far fronte a qualsiasi sfida. Questo momento straordinario di coesione e impegno è la risposta più eloquente e potente che potessimo offrire, un chiaro messaggio che le scelte scellerate non passeranno inosservate né saranno tollerate.”

530756
© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top