Cerca
Close this search box.

L’ira “che sottopone al giudizio di Dio” …di Domenico Pisana

L’OSSERVAZIONE DAL BASSO
Tempo di lettura: 2 minuti

La mia riflessione sui vizi capitali intende soffermarsi, dopo l’analisi sulla superbia, su un altro vizio capitale: l’ira. Nel VII canto dell’Inferno, Virgilio parlando con Dante gli spiega che gli iracondi, sono dei dannati immersi nel fango con il volto crucciato e che si percuotono con schiaffi, pugni e morsi, arrivando persino a sbranarsi a vicenda.
Si potrebbe certo argomentare sull’ira sotto tanti aspetti, come, ad esempio, quello psicologico, oggi affrontato in modo rilevante dalle scienze umane, ma non è di mia competenza. Vogliamo tentare di far capire perché l’ira dell’uomo non è gradita a Dio e perché tale peccato separa l’uomo da lui, rompe la relazione con lui, e quindi attenerci ad una riflessione teologico-morale.
L’orizzonte del mio discorso non può che essere quello della Bibbia, Parola di Dio per i credenti, semplice libro di cultura e di umanità per non credenti persone di altre religioni; alla Bibbia non possono non fare riferimento i cristiani, quando vogliono capire in che modo vivere la loro vita. Vediamo, allora, in prima battuta, di capire cosa è l’ira. La parola ebraica, presente nell’ Antico Testamento, che indica il vocabolo dell’ira è: ‘af, il cui suono sta ad indicare e a richiamare le “narici” sbuffanti del collerico. Tale significato rimanda ancora ad un atteggiamento piuttosto animalesco e ad immagini meteorologiche: si dice, a volte, di una persona: è una “bufera”, è “tempesta”; è arrabbiato “come una belva”, è “come un cavallo imbizzarrito”, è “inviperito”. Ecco, allora, che l’ira è un vizio capitale perché genera altri comportamenti sbagliati, i quali la distruttività, la vendetta, il bullismo, le minacce, l’esplosività, l’incolpare, la sconsideratezza e perfino il vandalismo . Ecco perché gli antichi latini dicevano che l’ira è initium insaniae, è un avvio verso la follia. Rende folli e chi è folle diventa incontrollabile.
Ma è la stessa Bibbia che nel libro dei Proverbi, al cap. 17,14 dà un ammonimento chiaro:

“Iniziare un litigio è come aprire una diga e allora, prima che la lite si esasperi, troncala!”. Ed ancora: “Se sbatti il latte, esce il burro; se schiacci il naso, ne esce sangue; se spremi la collera, ne esce la lite” (cap.30,33); “L’ira di un re è simile al ruggito di un leone: chiunque la eccita rischia la vita”(cap.20,2).

Ma anche il Nuovo Testamento ci aiuta nella riflessione sull’ira. Già nel discorso della montagna Gesù è molto chiaro: “Avete inteso che fu detto agli antichi: Non uccidere; chi avrà ucciso sarà sottoposto a giudizio. Ma io vi dico: chiunque si adira con il proprio fratello, sarà sottoposto a giudizio.” L’ira, in pratica, sconvolge l’animo, riduce il controllo delle parole e della azioni, conduce alla vendetta, all’odio, all’insulto, all’ingiuria e anche all’omicidio. Se il cristiano la fa albergare nel suo cuore quasi come “modus vivendi”, egli si esclude dalla relazione con Dio e a nulla valgono riti, preghiere e sacrifici, atti di carità se l’ira rabbiosa esce dai suoi occhi, dal suo cuore e dalla sue parole. Per questo l’apostolo Paolo non mancava di raccomandare i cristiani di Efeso: “Nell’ira non peccate; non tramonti il sole sopra la vostra ira e non date occasione al diavolo! … Scompaia da voi ogni asprezza, sdegno, ira, clamore e maldicenza…” (Ef 4,26.31).
Alla luce di quanto sopra evidenziato, sorge però una domanda: che senso ha quella espressione che spesso si trova sulle labbra delle persone e che si trova anche nella Sacra Scrittura, dove si parla anche di “ira di Dio”.
Nella Bibbia l’ira di Dio, che è uno dei tanti antropomorfismi a lui applicati, non è un sentimento o uno stato psicologico alterato, quanto la evidenziazione del fatto che tra santità e peccato vi è una netta opposizione. Secondo la fede cristiana, Dio ama fortemente la sua creatura; quando questa, però, rompe la relazione con lui cadendo nel male, egli si adira e soffre: l’ira di Dio, di conseguenza, non è una reazione, ma una sofferenza di Dio Padre per ciò che la creatura fa di ingiusto, di male, di idolatria, di nefandezza. Dio si sdegna per tutto ciò che è ingiusto e sbagliato, per tutto ciò che è male, tenebra, menzogna, tradimento della libertà, inimicizia, e si sdegna sempre con un giusto giudizio, mai con parole incontrollate; Dio adirandosi non perde, come la creatura, il controllo delle sue capacità: egli giudica con misericordia e amore.
Se è vero, dunque, che c’è una direzione distruttiva dell’ira, è altresì vero che nel nostro tempo l’ira va anche letta come sentimento reattivo di fronte a situazioni moralmente inaccettabili. Se un cristiano cade nell’ira a causa di una frustrazione, una delusione, un torto subito o molto altro ancora per cui assume comportamenti come la vendetta e la perdita del controllo, tali comportamenti non sono graditi in alcun modo a Dio; ma se il cristiano vede la giustizia calpestata, il povero maltrattato , la pace minacciata, l’amore distrutto e vilipeso e si sdegna, protesta perché questi valori sono violati e disprezzati, in questo caso il suo gesto di irascibilità non è altro che un invito a scuotere gli animi e risvegliarli dall’indifferenza, apatia, rassegnazione, rinuncia, e a suscitare in essi giusta indignazione.
Non bisogna confondere, pertanto, l’iracondia che sfocia nell’aggressività, che è segno dell’impotenza della razionalità di chi non riesce ad aggrapparsi alla coerenza della giustizia e precipita nell’assurdo perdendo ogni autocontrollo, con l’irascibilità intesa come indignazione e che, invece, scaturisce dallo sdegno in presenza della violenza e dell’immoralità, pubblica e privata, e che non fa ricorso alle urla e all’ira ma alla ragione che è capace di imporsi da sé.
Il cristiano che ricorre a parole cariche di livore, vendetta e rancore sarà sempre vittima del peccato di ira e non farà che seminare odio e malessere: sarà quindi sottoposto a giudizio.
Il modo migliore per sfuggire all’ira è quello di lasciarsi illuminare dalla fede, la quale aiuta a capire che le parole hanno un grande potere e che occorre una grande responsabilità nel comunicarle e gestirle: è questa la strada che bisogna percorrere per evitare di lasciarsi dominare dall’ira!

527751
© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top