Cerca
Close this search box.

Consiglio Comunale di Ragusa, bocciato l’ordine del giorno PD sui corsi di autodifesa per le donne

Tempo di lettura: 2 minuti

La maggioranza che sostiene il sindaco di Ragusa Peppe Cassì ha deciso di bocciare l’ordine del giorno del gruppo consiliare del Partito Democratico e con il quale si proponeva l’istituzione di corsi di autodifesa per le donne, gratuiti e finanziati dal Comune.
“Un comportamento schizofrenico quello della maggioranza e dell’amministrazione che – sostiene il Consigliere Peppe Calabrese – da una parte hanno promosso l’istituzione di corsi di autodifesa per il personale sanitario impegnato in prima linea, dall’altra negano l’utilità di progetti analoghi da destinare alle donne perché non devono essere queste ultime a doversi difendere, ma gli uomini a non essere violenti. Certo, giusto, ma è una banalissima esemplificazione che sminuisce il problema e non lo risolve lasciando le cose come stanno. Gli effetti concreti della legge sull’educazione all’affettività (quando sarà approvata) si vedranno tra una decina d’anni e, nel frattempo, si potrebbero dare alle donne strumenti per farle sentire più al sicuro o, comunque, in grado di difendersi in modo efficace in caso di aggressione. Evidentemente al Comune di Ragusa si preferisce fare delle discriminazioni considerando a rischio gli operatori sanitari (donne comprese) ma non la totalità del popolo femminile. L’Amministrazione comunale – conclude l’esponente dem – avrebbe potuto sostenere un’azione concreta, ma ha deliberatamente scelto di perdere l’occasione per farlo. Peccato”

524366
© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top