Cerca
Close this search box.

Basket. Brown trascina la Virtus Ragusa contro il CUS Catania

Tempo di lettura: 2 minuti

Cus Catania-Virtus Ragusa 88-106

Cus Catania: Mpeck ne, Lo Iacono 14, Arcidiacono ne, Vasta 7, Cuccia 2, Corselli 6, Prior Ruiz 28, Valle 17, Carluccio ne, Vitosis 14, Consoli ne, Balbo ne. All.: Russo

Virtus Ragusa

Cus Catania-Virtus Ragusa 88-106

Cus Catania: Mpeck ne, Lo Iacono 14, Arcidiacono ne, Vasta 7, Cuccia 2, Corselli 6, Prior Ruiz 28, Valle 17, Carluccio ne, Vitosis 14, Consoli ne, Balbo ne. All.: Russo

Virtus Ragusa: Brown 26, Piscetta 2, Epifani 13, Cioppa17, Simon 3, Tumino, Vavoli 13, Sorrentino 3, Gaetano 25, Mirabella, Calvi 4. All.: Recupido

Arbitri: Cappello di Porto Empedocle e Mameli di Augusta

Parziali: 19-33; 40-61; 70-83

Seconda vittoria in trasferta, terza consecutiva in stagione, per la Virtus di Recupido che sbanca il PalArcidicono di Catania 88-106 e supera il Cus, dopo averlo già battuto in finale di Coppa Sicilia, al termine di 40’ quasi sempre in controllo. Gli ospiti salutano il debutto stagionale di Brown e partono a mille (0-10). Un paio di triple di Cioppa, la stazza di Gaetano e il recupero con schiacciata di Vavoligarantiscono ai ragusani di chiudere il primo quarto con 14 punti di margine. La Virtus mantiene la concentrazione e nel secondo periodo arriva a doppiare il Cus con la tripla frontale di Gaetano (27-54 al 17’), prima che Catania rosicchi qualcosa sul tabellone all’intervallo: 40-61. Al rientro in campo la Virtus smarrisce un po’ di brillantezza in attacco, le palle perse complicano il piano partita di Recupido e il Cus, tripla dopo tripla, si riavvicina fino al -12. Nell’ultimo quarto Catania torna un paio di volte a 8, lottando coi denti, ma la presenza a rimbalzo d’attacco, i canestri di Brown e l’unica tripla di Sorrentino consentono alla Virtus di rispedire al mittente il tentativo di rimonta.

“Faccio i complimenti al Cus esordisce Recupido perché nonostante il gap iniziale non si è mai perso d’animo, ha continuato a lottare, aumentando l’intensità e creando situazioni interessanti dal penetra e scarica. Noi abbiamo avuto un impatto ottimo con la partita, diciamo per un quarto e mezzo, ma sul +20 è subentrato un calo di tensione e abbiamo rischiato di farci male. Un fischio o un canestro in più potevano compromettere il lavoro fatto nella prima metà di gara, ma anche in quelle precedenti. Nel complesso conclude il coach ragusano – sono contento per l’approccio e per aver portato a casa i due punti, un po’ meno per l’atteggiamento ondivago, che una squadra matura non può e non deve permettersi”.

519453
© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top