Trasferimento uffici anagrafe? Chiavola(Pd Ragusa): “Si rischia centralità per utenti”

Tempo di lettura: 2 minuti

“Stiamo cercando di capire quale sarebbe l’intenzione dell’Amministrazione comunale rispetto a quelli che sembrano rumors sempre più insistenti a palazzo dell’Aquila e che parlano della volontà di spostare gli uffici dell’Anagrafe nell’ex biblioteca comunale di via Giacomo Matteotti a Ragusa. Il rischio più grande, a quanto sembra, potrebbe essere quello di snaturare la centralità degli uffici demografici, che sino a oggi ha sempre avuto come riferimento l’atrio comunale di palazzo dell’Aquila”. E’ quanto rileva il capogruppo del Pd al Consiglio comunale di Ragusa, Mario Chiavola, che invita l’Amministrazione comunale, se questi dovessero essere gli intendimenti, a ripensarci. “Stiamo mettendo le mani avanti – continua Chiavola – anche perché, una volta operato il trasferimento, difficilmente si tornerebbe indietro. Adesso, invece, sarebbe più opportuno confrontarsi su questa vicenda proprio per evitare di perdere quella centralità di cui, invece, finora gli uffici demografici hanno goduto, ricordando che gli stessi, tra l’altro, a vantaggio dell’utenza, possono godere del parcheggio di piazza Poste che sorge proprio di fronte. Riteniamo che questa, se così fosse, non sia una scelta felice, perché si rischierebbe, a nostro avviso, la penalizzazione del settore. Ecco perché invitiamo la Giunta municipale a desistere dall’intento e a trovare altre soluzioni per la riorganizzazione degli uffici”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI