Pallamano. KeyJey Ragusa infoltisce i ranghi coi giovani

Tempo di lettura: 2 minuti

La KeyJey Ragusa infoltisce la pattuglia dei giovani. Due i volti nuovi. Per la prima pedina, si tratta di un ritorno. Rientra tra le file del sette ibleo, infatti, il classe 2005 Andrea Mazzone che, cresciuto nel vivaio ibleo, era stato selezionato per fare parte del Campus Italia, laboratorio nazionale che ha raccolto i migliori talenti in circolazione. Mazzone ha deciso di chiudere con questa esperienza e di rivestire nuovamente la maglia della propria città e la società ha accolto questa disponibilità con la massima soddisfazione. Da parte sua arriverà una grossa mano per ridare slancio al progetto ibleo. Laltro arrivo, invece, è quello dellagrigentino Gabriele Scibetta, un classe 2006 di grande talento che la KeyJey Ragusa è intenzionata a fare crescere nei propri vivai, credendo nelle potenzialità del giovane. Su cui, è stato spiegato dai vertici del sodalizio ragusano, si può assolutamente investire. Nella squadra ragusana, poi, si registra anche unuscita. Si tratta di Luigi Mantisi,proveniente dallAgrigento, che questanno ha deciso dicambiare e quindi di non giocare più con la KeyJey Ragusa per trasferirsi a Belluno e cercare di compiere altri passi del proprio cammino. La società ha cercato di allestire una squadra che possa rispondere il più possibile alle esigenze di una stagione destinata a diventare molto competitiva e in cui ogni passo dovrà essere effettuato con la massima attenzione, sapendo quali sono gli obiettivi da raggiungere.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI