Abbate. Lavoro al centro: stabilizzazione e dignità lavorativa

Tempo di lettura: 2 minuti

I lavoratori e le lavoratrici rappresentano il capitale umano di ogni comunità ed hanno diritto a trovare opportunità di lavoro rispettoso della dignità personale. Commercianti, imprenditori, start-up e giovani, devono trovare nella comunità un terreno fertile per la realizzazione dei propri progetti e nelle istituzioni piena vicinanza. Tra gli obiettivi che ci siamo fissati possiamo annoverare la nascita di progetti imprenditoriali e la crescita di occupazione attraverso progetti culturali e turistici nel territorio. Il potenziamento sia strutturale che umano dei Centri per l’impiego e gli attori del mercato del lavoro (agenzie per il lavoro) realizzando dei punti di orientamento attraverso le Agenzie per il Lavoro accreditate. Un aspetto cruciale della politica del lavoro riguarda i lavoratori precari che prestano servizio presso la PA ed enti pubblici di varia natura. In particolare, per le diverse categorie di precari (dipendenti del consorzio di bonifica, personale ex dipartimento Foreste, ASU e altre forme di precariato) si proporranno interventi specifici per snellire le procedure di stabilizzazione, mediante l’introduzione di una graduatoria per tutti i lavoratori dei consorzi di bonifica e personale ex dipartimento Foreste, attualmente rientranti nella fascia dei “151sti”, da collocare, nell’arco della legislatura, a tempo indeterminato secondo criteri stabiliti e collocare tutto il personale attualmente inserito nelle fasce dei “101sti” e dei “78sti” nella fascia dei “151sti”. L’introduzione del TURN-OVER per tutti i lavoratori dei consorzi di bonifica e del personale ex dipartimento Foreste per consentire l’inserimento di nuove unità lavorative in rapporto al 50 per cento dei lavoratori che vanno in quiescenza. Il recepimento delle norme nazionali vigenti in materia per le modalità di assunzione a tempo indeterminato dei lavoratori ASU, tenuto conto che la legge già approvata dall’Assemblea Regionale Siciliana è stata impugnata dal Governo centrale. La regolamentazione della mobilità del personale dagli enti regionali verso gli enti locali (Comuni), al fine di sopperire alle carenze di personale nell’organico di questi ultimi.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI