Cerca
Close this search box.

Cna Ragusa. Caro bollette, situazione insostenibile

Per le imprese della ristorazione e del dolciario un nuovo calvario
Tempo di lettura: 2 minuti

“Non è possibile continuare così. Prima o poi, e non ci vorrà molto, andremo a sbattere contro un muro. Le lamentele che continuo a raccogliere dicono tutte la stessa cosa: il caro energia sta gravando in maniera seria sugli operatori del settore. E sono in molti a pensarsela se continuare o finirla qui. E tutto questo determinerebbe un impoverimento del tessuto imprenditoriale, con gravi ricadute anche sul fronte turistico, che nessuno auspica ma che sembrano ormai prossime ad arrivare”. E’ quanto afferma la presidente territoriale di Cna Ristorazione Ragusa, Federica Muriana, dopo avere visionato le bollette dell’energia elettrica di numerosi colleghi imprenditori. “Il mese di luglio, che andrà in pagamento tra poco – afferma Muriana – è stato un disastro da questo punto di vista. Parliamo, in media, di un incremento dei costi che si è triplicato. Ad esempio, un ristoratore del nostro territorio che lo scorso anno a luglio pagava una bolletta di 6mila euro, si è visto arrivare una maxibolletta, per lo stesso periodo ma del 2022, di oltre 18mila euro. Sembra davvero tutto così assurdo da non farci comprendere bene che cosa stia accadendo. Ma noi della Cna non ci tiriamo indietro, stiamo, anzi, cercando di reagire e siamo pronti a raccogliere tutte queste istanze per capire in che modo si possa trovare una soluzione. E, tra l’altro, ci troveremo a dovere gestire ancora una situazione più pesante quando arriveranno le bollette d’agosto che, tradizionalmente, per chi opera in questo campo, sono quelle più salate. Riteniamo che non si possa più operare così e che si debbano trovare soluzioni confacenti. Altrimenti, il prossimo passo sarà quella della chiusura di numerose attività che trovano antieconomico andare avanti. E noi riteniamo che questo non debba accadere”. Sulla stessa lunghezza d’onda anche Andrea Giannone, portavoce Cna dei dolciari della provincia di Ragusa. “E’ un momento di grande sofferenza per tutti gli operatori del nostro settore – spiega – mi chiedo in che modo si possa pensare di andare avanti senza alcuna sostenibilità economica. Diventa davvero complesso programmare un futuro, qua stiamo parlando di sopravvivenza delle imprese”. Il presidente territoriale Cna Ragusa, Giuseppe Santocono, con il segretario territoriale di Cna Ragusa, Carmelo Caccamo, affermano che “il caro energia è diventato un problema troppo urgente per non essere affrontato ciascuno per i propri livelli provinciale, regionale e nazionale. La politica deve trovare subito una terapia d’urto per sostenere le imprese. Dobbiamo affrontare anche il costo del gas e del carburante a 2 euro al litro. Se si continua ancora a non vedere quello che sta succedendo, alla fine dell’anno ci ritroveremo sul groppone numerose attività di ristorazione chiuse. Sarebbe la sconfitta di tutti, scongiurando, tra l’altro, quell’azione di ripartenza che, dopo la pandemia, avrebbe dovuto permettere di recuperare il terreno perduto quando, invece, sta accadendo tutto il contrario”. “Convocheremo – concludono Santocono e Caccamo – una riunione dei comitati esecutivi di mestiere dei ristoratori, dei dolciari e dei panificatori. Vogliamo coinvolgere gli operatori della nostra provincia a pieno titolo. Sono loro i protagonisti che stanno subendo questo ennesimo colpo”.

490032
© Riproduzione riservata

1 commento su “Cna Ragusa. Caro bollette, situazione insostenibile”

  1. Tonino Spinello

    In tutta Europa siamo quasi alla recessione e subito dopo ci sarà il caos!
    La Germania ha abbassato le aliquote dell’energia che dal 19% l’hanno portata al 7%. Poco, ma almeno nell’immediato qualche migliaio di euro nelle bollette si riduce.
    Mi dovete perdonare tutti, sindacati e colleghi, chiedere alla politica cosa?
    La politica è quella che ci ha portati fin qui con a capo il Santissimo Illustrissimo Reverendissimo Draghi, ora gli stessi personaggi con gli stessi volti ci devono togliere dai casini in cui ci hanno relegato. Vi sembra credibile? O vi sembrano ancora credibili? Scegliete voi! Ma perchè non li mandate da dove sono venuti invece di battergli la coda ad un minimo sguardo?
    Basta di rincorrere i fantasmi, le parole sono finite, ora ci vogliono i fatti, e i fatti non sono più sedersi attorno a tavoli e sofà, ma azioni eclatanti (se si hanno le palle) che mettano in ginocchio loro prima che facciano morire NOI.
    Invito tutti i Commercianti e Artigiani d’Italia a non pagare nessuna tassa, perchè o si pagano le tasse o si pagano le bollette. Ma cosa si aspetta ancora? Che si chiude tutti e facciamo richiesta del reddito di cittadinanza? Col Ca…..che ve lo danno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Scroll to Top