Il Vescovo che vorrei…di Umberto Bonincontro

Tempo di lettura: 2 minuti

Il Vescovo che vorrei
Per l’elezione di un vescovo, fino al V secolo, era il popolo (laici e preti) che sceglieva il nuovo pastore, oggi si segue una prassi diversa. L’elezione del vescovo avviene nel massimo segreto. Non si fa una verifica della situazione della diocesi, non si accettano desideri e richieste della Comunità. L’elezione è di nomina pontificia, ma Papa Francesco non può conoscere i candidati, può dare solo indicazioni. E allora entrano in scena a volte raccomandazioni e perfino cordate maturate nel corso degli anni. Motivo per cui, non di rado, vengono scelte persone poco adatte, spesso ambiziose, carrieriste e così a pagarne le conseguenze è la Comunità. Il Papa, speriamo al più presto, nominerà il nuovo Vescovo di Noto che succederà a Mons. Antonio Staglianò, nominato Presidente della Pontificia Accademia di Teologia. Auspichiamo che la scelta risponda ai reali bisogni della diocesi, che venga scelto un autentico “uomo di Dio ” che ama e si faccia amare da tutti, senza alcuna esclusione. Un uomo, profondamente umano serio, di parola, onesto, lineare, pulito, paziente, dialogante, speranzoso, amico dei più fragili… un uomo immerso nel presbiterio e nella vita del popolo di Dio, capace di intessere relazioni di comunione e di indicare la direzione verso cui volgere lo sguardo, attento alle singole persone e rispettoso di tutti, disponibile a dare una mano a chi è caduto e di spronare chi si è fermato Un uomo che si lascia, anche, aiutare, perché umilmente consapevole delle sue fragilità. Insomma, un uomo che abbia il cuore inzuppato d’amore per Dio e per il suo Popolo. Un uomo di fede che ama la Chiesa e la serve con generosità (1).. Un credente che sia anche, e soprattutto, credibile. La diocesi attende un vescovo-pastore, un vero padre capace di ascolto e di dialogo, disponibile alla collaborazione con le molte realtà della diocesi, sempre in ascolto di tutti preti e fedeli, e non di alcuni soltanto. E’, infatti, attraverso l’ascolto e la comunione vissuta, che il Vescovo è chiamato a guidare il Popolo di Dio che gli viene affidato. Il Vescovo, per questo, abbia cura nella scelta dei suoi collaboratori, ad iniziare dal Vicario generale. Nel processo di selezione, le variabili sono così numerose e talvolta imprevedibili, che un vescovo saggio deve avere l’umiltà di porvi rimedio quando si rende conto di un errore evidente. Un vescovo deve avere delle motivazioni nobili nella scelta dei collaboratori. Non è sufficiente cercare di ‘accontentare’ o di compiacere. Il fallimento di un episcopato dipende da tanti fattori, ma anche dalla scelta dei collaboratori. Vanno tenuti alla larga quei preti carrieristi, che attendono il nuovo vescovo, per salire sul carro del vincitore. Il carrierista nella Chiesa c’è sempre stato. E si riconosce anzitutto per la sua mediocrità. Egli appartiene ad una delle categorie umane più ripugnanti, forse una delle più ciniche. Egli sa che deve arrivare dove vuole arrivare, a costo di vendersi, che sta con il suo capo fino a che è sull’altare, ma l’abbandona quando lo vede sulla polvere. La Sinodalità, che è l’identikit della Chiesa, e a cui tanti vescovi e presbiteri non credono, contribuirebbe a controllare e a stemperare quei sentimenti tanto comuni nelle Comunità quali l’invidia e la gelosia. A tal proposito Papa Francesco dice: ”La persona invidiosa, la persona gelosa è una persona amara: non gode del bene che ravvisa nell’altro, non sa lodare, non sa cosa sia la gioia, perché guarda solo ‘che cosa ha quello e io non ho’. Un altro atteggiamento tipico della gelosia e dell’invidia, sono le chiacchiere per abbassare l’altro. Le chiacchiere dividono la comunità, distruggono la comunità. Sono le armi del diavolo”.
(1) Come ha scritto don Giuseppe Alcamo del clero di Mazara del Vallo in occasione della nomina del nuovo Vescovo.

Umberto Bonincontro

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

12 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI