Territorio Ragusa. Mortificante raffica di critiche nei confronti dell’amministrazione

Tempo di lettura: 2 minuti

Si moltiplicano le riflessioni, e le considerazioni di autorevoli esponenti politici della città, sull’amministrazione Cassì e sulla sua attività.
Anche il direttivo cittadino di Territorio Ragusa ha più volte analizzato alcune criticità dell’amministrazione, ma, come per altre analisi, si trattava di episodi isolati, a proposito di singoli argomenti.
Nonostante lontani ancora 10 mesi dalle comunali, forse considerati scontati gli esiti delle nazionali e delle regionali, il sindaco Cassì e la sua amministrazione sono bersaglio di critiche non da poco, proprio nel momento in cui il primo cittadino cerca di fare sfoggio dell’avvio di qualche iniziativa resa possibile dagli ingenti finanziamenti, ma, soprattutto, dall’eredità di importanti progetti ereditati dal passato.
Il segretario cittadino del Partito Democratico denuncia l’assenza di strategie politiche per la crescita della città, l’immobilismo sugli strumenti urbanistici, nulla per il piano regolatore, lentezze esasperanti per l’edilizia privata, blocco totale per il piano particolareggiato dei centri storici, fallimento per il Parco Agricolo Urbano.
Il segretario PD non ha tralasciato di prendere in considerazione le fallimentari politiche per i rifiuti di Cassì, come sindaco e come presidente della SRR.
Non meno tenero il giudizio globale del coordinatore cittadino di Fratelli d’Italia, grandi progetti bloccati, ritardi enormi per le poche e piccole opere pubbliche avviate, politiche poco condivisibili per il centro storico, per Marina di Ragusa, per Ibla, si parla tanto da oltre 4 anni, ma i risultati non ci sono e, se ci sono, sono oggetto di polemiche.
Anche il coordinatore di Ragusa Prossima non risparmia pesanti critiche all’indirizzo di Cassì e della sua gestione politica, salva solo i conti in ordine e un impegno non indifferente per la manutenzione delle strade, per il resto opere ereditate, mancanza di visione strategica sul centro storico e sulle scelte funzionali da accostare ai progetti per l’ex scalo merci o per il quartiere Carmine Putie.
Enormi criticità per l’approvvigionamento idrico e per la questione rifiuti, apprezzamento per gli assessori alla cultura e allo spettacolo, ma contemporanea stroncatura quando definisce le iniziative un ‘supermarket di eventi’, sganciato da una visione culturale della città, con una eccessiva commistione fra cultura e intrattenimento. E, alla fine, l’inevitabile considerazione sul fallimento totale delle politiche di sviluppo economico.
Non è bello, per nessuno, constatare come ci siano giudizi negativi unanimi e convergenti su una intera stagione politica, una bocciatura del sindaco, delle sue politiche e di quelle di molti assessori, soprattutto quando ci si rende conto che il primo cittadino non fa nulla per invertire la rotta, con quel famoso cambio di passo più volte considerato ma mai attuato.
Come ha sottolineato il segretario PD, siamo rimasti all’epoca della sindacatura Dipasquale, a quel periodo di rinascimento della città successivamente al quale nessuno ha saputo cogliere gli elementi fondamentali per continuare l’indiscutibile percorso di sviluppo intrapreso.
Una città come Ragusa non può vivere sull’ordinaria amministrazione, e nemmeno, per quattro anni l’amministrazione ha cercato di capire cosa e come fare, un esempio per tutti l’ex cinema Marino, pronto su un piatto d’argento, progetto, finanziamenti, questione affrontata verso la fine della sindacatura, come tante altre e come tante che restano al momento, solo grandi progetti sulla carta.
Una città in totale abbandono, manutenzione delle aree a verde dimenticata, grosse responsabilità e ritardi per i rifiuti, dove viene fuori una fondamentale incapacità di gestire l’emergenza alla quale si arriva anche per enormi ritardi nell’azione della SRR di cui Cassì è Presidente.
E sullo sfondo preoccupanti lacune nell’operato per le opere pubbliche, ritardi nelle consegne dei lavori, scarsa padronanza dei progetti, un esempio lampante l’impianto di via delle Sirene, la prima e unica opera che questa amministrazione non è riuscita nemmeno a completare, con una lievitazione dei costi che ancora non conosce esito definitivo.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI