Giovanni Gurrieri diventa capogruppo del Gruppo Misto a Ragusa

"Anche da questo ruolo si continua a lavorare per la città"
Tempo di lettura: 2 minuti

Il consigliere comunale Giovanni Gurrieri è stato nominato capogruppo del “Gruppo Misto” di cui è componente insieme alla consigliera Maria Malfa. Gurrieri, che ha di recente lasciato il gruppo del Movimento 5 Stelle in disaccordo con la linea del partito, rappresenterà il gruppo anche in alcune commissioni consiliari con l’obiettivo di approfondire ulteriormente i temi utili per la collettività. “Ringrazio la collega Maria Malfa perché aver convenuto sul mio nome è un segno di riconoscimento che mi onora perché arriva da una donna che rappresenta una generazione politica che ha lavorato tanto per la nostra città – spiega Gurrieri – Lei stessa, in prima persona, è stata assessore. E ancorché sia una generazione lontana dalla mia, è possibile integrare le diverse visioni collaborando e confrontandosi per un buon sviluppo della comunità. Un dialogo intergenerazionale che potrà portare spunti utili anche all’Amministrazione cittadina. È fondamentale avvicinare i giovani che come me credono nella politica facendo della nostra città la casa del domani. Pertanto invito tutte le opposizioni ma anche la maggioranza a voler pianificare un’agenda dei lavori del Consiglio comunale molto più fluida, che possa essere condivisa tra tutte le parti politiche del consesso cittadino e che possa essere molto più proficua valorizzando il ruolo di questo importante organismo che è espressione diretta dei cittadini. Credo che i consiglieri comunali, sia di maggioranza che di opposizione, debbano essere in qualche modo gli occhi, le orecchie e se necessario anche le mani dell’amministrazione locale, nel rispetto dei ruoli naturalmente, facendo da collante tra cittadino ed ente pubblico, oggi più che mai elemento fondamentale”. Il neo capogruppo Gurrieri ringrazia anche la maggioranza consiliare per aver approvato, in sede di revisione del regolamento edilizio, un emendamento proposto che ha portato al riconoscimento dei rifugi come strutture di natura turistica e come tali saranno regolamentate. “Il mio emendamento ha permesso di inserire all’art. 41 del regolamento la categoria dei rifugi tra le strutture ricettive che si possono realizzare all’interno del territorio comunale. Nello specifico si dà la possibilità di offrire servizi ai camminatori, agli amanti del trekking e di tutti gli appassionati di esperienze a contatto con la natura. Si tratta di un importante atto dato che sono poche le città che riconoscono ufficialmente tale categoria. Ringrazio il Consiglio comunale per aver votato favorevolmente la proposta e l’Amministrazione per averne condiviso il principio”.

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI