Anffas Modica abilitata a richiedere la Disability Card

Tempo di lettura: 2 minuti

Per le persone con disabilità è possibile richiedere la “disability card”, una tessera che permette l’accesso a servizi gratuiti o a costo ridotto in materia di trasporti, cultura e tempo libero sia in Italia che negli altri Paesi dell’Unione europea.

L’aspetto innovativo è che l’esibizione della carta è sufficiente per ottenere le agevolazioni previste ed esonera il possessore dall’esibire ulteriori certificazioni; è quindi uno strumento utile per usufruire, in maniera semplificata, di benefici, supporti ed opportunità in base alle specifiche convenzioni che verranno man mano stipulate.
La Carta viene rilasciata a tutti i soggetti in condizione di disabilità media, grave e di non autosufficienza e riporta: la fotografia del titolare su sfondo bianco; nome, cognome e data di nascita; numero e data di scadenza del documento (la carta è valida fino al permanere della condizione di disabilità o comunque per non più di dieci anni dal momento del rilascio); Codice fiscale della persona e del tutore o amministratore di sostengo; QR – Code che contiene le informazioni relative alla condizione di disabilità e tramite cui l’ente erogatore accederà al sistema di verifica messo a disposizione dall’INPS.
È importante sottolineare che la disability card può essere richiesta solo dalle associazioni di categoria (UIC, ENS, ANMIC, ANFFAS) come ad esempio proprio Anffas Modica che si rende disponibile tramite il suo sportello gratuito SAI (segretariato sociale.)

© Riproduzione riservata
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Articoli correlati

RTM per il cittadino

Hai qualcosa da segnalare? Invia una segnalazione in maniera completamente anonima alla redazione di RTM

SEGUICI
IL METEO
UTENTI IN LINEA
Torna su
RTM INFORMA - LE REGOLE PER LA PREVENZIONE
RISPOSTE ALLE DOMANDE COMUNI